Gabetti
Breaking News
Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e...
Videosorveglianza: consiglio comunale sul tema a...
La Scuola del Design del Politecnico di Milano...
San Giovanni a Piro: 40esima edizione per il...
La proposta di Sara Infantini: Anche a Camerota...
La Quadriglia sangiovannese e la 'Ndrezzata di...
Stazione 'Centola-Palinuro-M. di Camerota',...
Fratelli d'Italia presenta a San Giovanni a Piro...
A Pompei e Paestum viaggiando su un treno storico
Il Comune di Camerota aderisce all'iniziativa...
Anna Maria Maiorano candidata alla Camera: Sono...
Quarta la Cilento Run sulle strade della Penisola...
'Non possiamo rinunciare alla verita'! Giustizia...
Verita' e giustizia per il Sindaco Pescatore...da...
A San Giovanni a Piro due incontri di...
Elezioni: vince il centrodestra, secondo le stime...
1,058 miliardi di euro per l'edilizia scolastica....
Dissequestrata la banchina di sopraflutto del...
Infantini: ''Piu' forze dell'ordine per il...
Grandissimo risultato della Cilento Run a Napoli:...
Elezioni 2018: avviso agli elettori dal Comune di...
Rai 1 nel Cilento con la trasmissione Paesi che...
Con il concerto di Francesco Taskayali conclusa...
Cilento Run alla Half Marathon di Napoli,...
Il Comitato Almenolacqua chiede un incontro al...
Furto al bar della stazione di Sapri
Inizia il conto alla rovescia: meno 100 giorni...
Camerota, a tutti i neonati la lettera del Sindaco
Trasporti, Cilento & Diano Express:...
La Bandiera arancione Morigerati protagonista di...
Il Comune di San Giovanni a Piro indice la II ed....
Siringa e sangue nel bagno del treno, la denuncia...
Scario, raccolti 21 sacchi d'immondizia durante...
A Nocera la Cilento Run trionfa all'esordio! foto...
Eugenio Cioffi eletto Presidente della sezione...
San Giovanni a Piro, la Giunta chiede di...
L'arbitro cilentano Maria Marotta tiene una...
Nasce 'Pulsaria Tennis Club' a Torre Orsaia, nel...
''Getta le tue reti'', iniziativa del Centro...
Omicidio Vassallo, indagini prossime alla...
A Scario una barca da pesca dedicata a Papa...
Sequestro preventivo al Porto di Policastro
Inaugurata a Sapri la nuova sede Cisl (FOTO)
Presentato il regolamento per la concessione...
La scoperta: Federico Fazio, calciatore della...
Lotta al randagismo: Comune vieta abbandono...
Parte oggi la Scuola del Vangelo per la Forania...
Nuovo bando per recuperare e valorizzare i beni...
Resto al Sud: incentivi per i giovani...
Pro Loco San Giovanni a Piro - Bosco: aperte le...
Il Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e...
Il Premio Letterario Roccagloriosa si prepara per...

Gruppo Lucano Protezione Civile: dimesso il Presidente Giuseppe Priore



Giuseppe Priore, in seguito ad nota inviata  al Dipartimento nazionale della Protezione Civile, si è dimesso dalla carica di Presidente del Gruppo Lucano.

"Le motivazioni comunicate - leggiamo nel quotidiano La nuova Sud del 25 gennaio - sono riconducibili allo stillicidio di dinamiche da sempre segnalate ad ogni livello, note anche al grande pubblico, che hanno alla fine reso ingestibile ogni possibile ipotesi di lavoro da parte sua e dei volontari della protezione civile". "L’epilogo di questa quasi decennale vicenda - spiega la nota - si è improvvisamente manifestato a seguito di una decisione unilaterale da parte del dirigente dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, che ha stabilito di non corrispondere le risorse a saldo delle attività antincendio condotte nel 2017, adducendo quale motivazione, non formalizzata, l’incapacità a prevenire i danni provocati dai piromani l’estate scorsa. Pertanto, senza alcuna preventiva comunicazione, rispetto a presunte colpevoli responsabilità, il presidente Priore è stato reso complice di fatto di disastro, punendo l'organizzazione nel suo complesso per non aver rispettato i parametri imposti dalla scrivania di turno".

"Le ripercussioni provocate al gruppo lucano sono gravi - continua il documento - in quanto già costretto ad anticipare ingenti risorse proprio per portare avanti lo sforzo operativo, si trova adesso a non poter far fronte alla liquidazione del dovuto ai soggetti commerciali posti in attesa di pagamento. Questa particolare ed odiosa modalità di mettere in difficoltà il Gruppo Lucano è stata ripetutamente utilizzata negli ultimi anni. Rimborsi non corrisposti da anni dalla Regione Basilicata, tentativi di far perdere risorse europee, impossibilità di accedere ai benefici di legge nonostante comprovate modalità di attivazione formale della stessa organizzazione, strategie di anticipo delle risorse e negazione dei rimborsi delle stesse a chiusura attività, hanno provocato negli ultimi anni un vero e proprio dissanguamento dei volontari. Infine, le negazioni dell'iscrizione all'Albo Regionale prima, ottenuta dopo una dura rimostranza da Parte del Presidente, e all'Albo Nazionale dopo, negata ancora nonostante le condizioni ci siano tutte".

"Tutto ciò - conclude la nota - non pone le condizioni per un prosieguo dell'impegno ed ha infine indotto il presidente Priore a rimettere il mandato al proprio Consiglio che deciderà sulle scelte da adottare per il futuro"

Foto Andrea Sorrentino

Altri articoli Associazioni

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login