Gabetti
Breaking News
Youssef Aich e Filomena Palomba vincono la...
Arriva in edicola Pyros 216!
Festeggiati a San Giovanni a Piro i 35 anni della...
Avviso Consac: grave crisi idrica da scarsita'
Matilda Cuomo, mamma del Governatore dello Stato...
Festa di Pietrasanta 2017: le celebrazioni in...
Sabato sera a San Giovanni a Piro ritorna la...
5^ Corsa della Sirena Leucosya: Nigro, Picardi e...
Bulgheria Tour, 50 km in bici alla scoperta dei...
Scelto il nuovo Direttore del Museo Ortega
35 anni di aggregazione attraverso lo sport: la...
Inaugurata a Paestum l'anteprima della mostra...
Celle di Bulgheria, 7 progetti del Comune...
A Roma per protestare contro i tagli del Governo,...
Disposizioni per la tutela del decoro urbano...
Conferenza Stampa su "Ritorno al Cilento,...
San Giovanni a Piro: apposita ordinanza per la...
Il keniota Kanda si aggiudica l'ottava Corsa del...
Scario in mostra a Roma, alle Terme di Diocleziano
Ufficiale, frecciarossa fino a Sapri per l'estate...
Messaggio del Vescovo De Luca in vista delle...
Bandiere Blu: il Cilento ancora indice di qualita'
Palinuro: sorpresi durante una battuta di pesca...
X Factor 2017, il sogno di Dominga da San...
Simulazione di salvataggio di un bagnante, in...
Tartaruga salvata a Scario, il risultato della...
Squalo avvistato a Policastro, dovrebbe trattarsi...
Orazio Cerino in scena con la favola 'I Musicanti...
Il Nuovo Sindacato di Polizia evidenzia lo stato...
Salvata a Scario una tartaruga Caretta Caretta
A Policastro Bussentino un Memorial dedicato a...
Il primo maggio sangiovannese: riflessioni,...
Primarie Pd, i risultati da San Giovanni a Piro
Colpo di scena sul depuratore e novita'...
La piazza del comune dedicata all'ex sindaco...
Il programma della Festa di Pietrasanta 2017....
#equinoziomediterraneo: ricco programma di...
Parte 'Cilento & Diano Express', la Capitale...
Pubblicato il bando per il terzo Contest...
Foto e corti dal Cilento, il Premio Pietro De...
'A Prescindere...': dal 21 al 23 luglio la 5a...
Classifica della qualita' delle acque per il...

Innalzamento del Mediterraneo, Scario scelto come centro di uno studio di ENEA



Il Mediterraneo si è innalzato di circa 30 cm negli ultimi 1.000 anni rispetto a un aumento più che triplo previsto nei prossimi 100 anni dal gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (IPCC). È quanto emerge da una ricerca sulle variazioni del livello del Mediterraneo coordinata dall’ENEA, che dimostra come le previsioni al 2100 dell’IPCC rappresentino un’evidente accelerazione dell’innalzamento del livello dei mari, dovuta principalmente al cambiamento climatico. Lo studio, appena pubblicato sulla rivista scientifica Quaternary International dell’editore Elsevier, è stato realizzato insieme a ricercatori dell’INGV e delle Università di Roma “La Sapienza”, Bari “Aldo Moro”, Lecce, Catania, Haifa (Israele), Parigi e Marsiglia (Francia).

“La ricerca ha preso in esame l’innalzamento del nostro mare in un arco temporale mai studiato prima”, spiega Fabrizio Antonioli del Laboratorio Modellistica Climatica e Impatti dell’ENEA, che ha coordinato lo studio. “In mille anni - aggiunge Antonioli - il Mediterraneo è aumentato da un minimo di 6 a un massimo di 33 cm, un livello inferiore del 65 per cento rispetto alle più recenti proiezioni dell’IPCC, secondo le quali l’innalzamento del mare a livello mondiale è stimato tra i 60 e i 95 cm entro il 2100. Si tratta di un’evidente accelerazione, dovuta principalmente al cambiamento climatico causato dall’aumento della concentrazione di CO2 in atmosfera, che negli ultimi quattro anni ha superato in modo stabile il valore di 400 ppm, un livello mai toccato sulla Terra negli ultimi 23 milioni di anni”.

Per studiare le variazioni del livello del Mediterraneo, il team di ricerca ha preso in esame 13 siti archeologici sulle coste di Italia, Spagna, Francia, Grecia e Israele, in luoghi dove venivano estratte le mole olearie, cioè le grosse pietre utilizzate per la macinazione delle olive.

“Questo studio - sottolinea Antonioli - è stato realizzato in aree stabili da un punto di vista tettonico, alcune anche parzialmente sommerse, coniugando scienza e archeologia”. In Italia l’indagine si è concentrata in tre aree del sud, Scario (Salerno), Torre SantaSabina, vicino Otranto (Lecce) e Punta Penne (Brindisi), dove il livello del mare si è innalzato di circa 15 cm negli ultimi mille anni.

Altri articoli Attualita'

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login