Gabetti
Breaking News
Festival internazionale delle Mongolfiere: in...
Dalla Regione fondi per la Biblioteca Comunale...
Vibonati: beccati 30 individui dal nuovo sistema...
Presso il Santuario di Santa Rosalia in...
San Giovanni a Piro: cure termali gratuite per i...
Concorso pubblico per 28 laureati presso l'Agcm...
Senzatetto a Sapri: Cittadinanzattiva scrive alla...
Il Capo di 1a classe Michele Danza nuovo...
Studenti campani in vacanza premio nel Parco...
In mostra a Sanremo il Presidio Slow Food ''Il...
Davide Benincasa e Lucia Novara conquistano a...
Nasce il Consorzio ''Cilento - Golfo di...
Scosse di bassa magnitudo nel mare di Pisciotta,...
Mariafrancesca Fimiani supera brillantemente la...
250 persone da tutta Italia in vacanza nel golfo...
Cilento Experience: un territorio da vivere. Tra...
Sempre allegri con la Bandabardo'
Dominga Jorgista Montano apre il concerto della...
Celle di Bulgheria, studenti sicuri con l'aiuto...
La sinfonia di Calcaterra alla Camerota Live 2017...
Sulle note dell'Alfano I Jazz Ensemble, Franco...
Diluvio di applausi per i Latitanti (VIDEO E FOTO)
Borse di studio anno accademico 2017/2018,...
Terminata l'avventura di ''Terre del Bussento'' a...
La Rai sceglie Maratea per il Capodanno 2018
Sul mare di Scario luccica la poesia di Peppe...
Il Maestro Avitabile in concerto...sotto la...
La taranta conquista Bosco
Conferito il Premio Ortega 2017 al Prof. Claudio...
Sulle note di Equinozio, la tradizione bandistica...
1917 - 2017, 100 anni dal restauro della...
Il dott. Minardi Segretario Generale
Pyros 219: finalmente Tornito...e tanto altro!
Scario sul mensile ''Pescare Mare'', la storica...
L'ex Ministro Pecoraro Scanio nell'AMP Infreschi...
Mediterraneo da remare con Dario Tamburrano, in...
Approvato il calendario scolastico 2017/2018, si...
IV edizione per ''Storie...in piazza''. Questa...

Innalzamento del Mediterraneo, Scario scelto come centro di uno studio di ENEA



Il Mediterraneo si è innalzato di circa 30 cm negli ultimi 1.000 anni rispetto a un aumento più che triplo previsto nei prossimi 100 anni dal gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (IPCC). È quanto emerge da una ricerca sulle variazioni del livello del Mediterraneo coordinata dall’ENEA, che dimostra come le previsioni al 2100 dell’IPCC rappresentino un’evidente accelerazione dell’innalzamento del livello dei mari, dovuta principalmente al cambiamento climatico. Lo studio, appena pubblicato sulla rivista scientifica Quaternary International dell’editore Elsevier, è stato realizzato insieme a ricercatori dell’INGV e delle Università di Roma “La Sapienza”, Bari “Aldo Moro”, Lecce, Catania, Haifa (Israele), Parigi e Marsiglia (Francia).

“La ricerca ha preso in esame l’innalzamento del nostro mare in un arco temporale mai studiato prima”, spiega Fabrizio Antonioli del Laboratorio Modellistica Climatica e Impatti dell’ENEA, che ha coordinato lo studio. “In mille anni - aggiunge Antonioli - il Mediterraneo è aumentato da un minimo di 6 a un massimo di 33 cm, un livello inferiore del 65 per cento rispetto alle più recenti proiezioni dell’IPCC, secondo le quali l’innalzamento del mare a livello mondiale è stimato tra i 60 e i 95 cm entro il 2100. Si tratta di un’evidente accelerazione, dovuta principalmente al cambiamento climatico causato dall’aumento della concentrazione di CO2 in atmosfera, che negli ultimi quattro anni ha superato in modo stabile il valore di 400 ppm, un livello mai toccato sulla Terra negli ultimi 23 milioni di anni”.

Per studiare le variazioni del livello del Mediterraneo, il team di ricerca ha preso in esame 13 siti archeologici sulle coste di Italia, Spagna, Francia, Grecia e Israele, in luoghi dove venivano estratte le mole olearie, cioè le grosse pietre utilizzate per la macinazione delle olive.

“Questo studio - sottolinea Antonioli - è stato realizzato in aree stabili da un punto di vista tettonico, alcune anche parzialmente sommerse, coniugando scienza e archeologia”. In Italia l’indagine si è concentrata in tre aree del sud, Scario (Salerno), Torre SantaSabina, vicino Otranto (Lecce) e Punta Penne (Brindisi), dove il livello del mare si è innalzato di circa 15 cm negli ultimi mille anni.

Altri articoli Attualita'

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login