Gabetti
Breaking News
Cilento, prende il via domani ''E...Vivi...
Corsa del Mito, Tuttinsieme dedica la nona...
Il Piano di Zona S9 cerca operatori per i servizi...
I Ditelo Voi e I Sonohra alla Festa di...
Sbloccati i fondi Feamp per il porto di Marina di...
Maratea, riapre il porto dopo la mareggiata
Centola, tolleranza zero contro gli...
Camerota, Delegata al Decoro lancia appello ai...
Camerota, sugli smartphone dei cittadini un...
San Giovanni a Piro, terzo incontro sul tema...
Piacenza: alla 166esima Festa della Polizia...
Centola, finanziati 5 progetti per la messa in...
Graficamente Love Cilento
Ad uccidere il giovane Antonio Pascuzzo e' stata...
Alla Corsa del Mito un seminario di aggiornamento...
Carelli nuovo Comandante della stazione dei...
Carnevale del Cilento 2018, vince Marina di...
Lentiscosa, condotta idrica in amianto-cemento:...
Vincenzo Summa di Picerno conquista il Trout...
Franco Magliano della Cilento Run a Seregno per...
Omicidio Pascuzzo, arrestato un 18enne
San Giovanni a Piro a Portici per la...
Capaccio, giornata del benessere tra le erbe...
A Camerota un software innovativo per l'imposta...
Il giovane Antonio Alexander Pascuzzo e' stato...
Buonabitacolo, ritrovato senza vita il corpo di...
Dalla Regione fondi ai musei della civilta...
Scario, auto contro i tavolini di un bar,...
Bianco Tanagro, programma ufficiale e i...
Corsa del Mito, boom di iscritti
Mille studenti per visitare le bellezze di...
Ceraseto in fiamme, il Consigliere regionale Enzo...
Due boati spaventano i cilentani, colpa di 2...
Il Sindaco Pescatore approda al Teatro San Carlo...
Consac apre altri due sportelli fisici a Sapri e...
''Frammenti di emozioni'', la nuova opera di...
Doppia iniziativa del Forum dei Giovani della...
Giuseppe Tripari taglia il traguardo delle 200...
Fiamme avvolgono il Ceraseto, distrutto uno dei...
Fratelli d'Italia, il sindaco di Santa Marina...
Sommozzatore spagnolo salvato dalla Guardia...
Certosa di Padula, dal 7 aprile al 3 giugno Nova...
Battiti di Pesca ritorna tra i banchi di scuola!...
Ritorna il Meeting del Mare, ufficializzati gli...
Incremento delle forze dell'ordine a Camerota,...
Ogni anno, il martedi' dopo Pasqua, il Santuario...
Sapri, prodotti cosmetici e alta moda ''made in...
Torraca, Cittadinanza Onoraria all'Ing. Nicola...
Francesco De Gregori, Luca Barbarossa e Luca...
Pyros 226: speciale elezioni, matrimoni a...
28 milioni di euro per gli artigiani dalla...
A Pasquale Nicodemo e Graziano Sisinni il Gran...
San Giovanni a Piro, nasce l'Associazione...
EQUINOZIO D'AUTUNNO XIII edizione: anteprima 22...
A Policastro Bussentino il Corso di Formazione...
Grande Concerto di Francesco De Gregori a Scario...
Foto e Corti dal Cilento, il premio dedicato a...
Bianco Tanagro sempre piu' green! le...
Echi dal mare: 'Tuttinsieme' indice la terza...
BUONISSIMI 2018, ufficializzate le coordinate...

A rischio la pesca delle alici di Menaica nel territorio cilentano



La pesca della menaica, tramandata da una generazione all'altra e portata nel Cilento dagli antichi Greci, è praticata nel Cilento e sulle coste della Sicilia. È un tipo di pesca molto particolare, infatti è rispettosa del mare e conciliabile con l'ambiente, in quanto, grazie al tipo di reti utilizzate che, avendo delle maglie molto piccole, trattengono le alici più grandi, lasciando le altre libere e quindi non risultando dannose per l'ecosistema. A praticarla sono un numero molto modesto di piccoli pescherecci, in particolar modo a Pisciotta, Palinuro, Marina di Camerota e Acciaroli.

Ebbene, a causa proprio delle reti, ritenute dello stesso tipo delle ferrettare che sono utilizzate illegalmente, la Guardia di finanza minaccia di bloccare tutte le operazioni.

In un'intervista a Impronta Cilento Vittorio Rambaldo, pescatore, produttore e membro dell'associazione Alici di Menaia, difende la pesca della Menaica: "Abbiamo bisogno di sostegno dal Ministero. La Menaica non appartiene alla categori della Ferrettara, ma è tradizionale e preserva il mare. Peschiamo pochissimo, solo esemplari piu grandi, del branco prendiamo solo il 20 per cento". Tutti i pescatori sono sul piede di guerra, dato che ci si trova in periodo di pesca (che va da aprile a giugno) e si rischia quindi di non poter lavorare e tantomeno di portare in tavola il prodotto di punta dei presidi di Slow Food della Campania e di tutta Italia, e si punta il dito sulla continua pesca di frodo del pesce azzurro, di enorme gravità.

La stessa Slow Food si è schierata a favore dei pescatori. Come ha affermato Giuseppe Jepis Rivello, fiduciario della Condotta Slow Food Camerota-Golfo di Policastro: "Abbiamo bisogno di risolvere una volta per tutte questo problema, anche perché si va oltre il prodotto. Si va oltre l'aspetto commerciale.  Siamo nel cuore della nostra identità e delle nostre radici. Non possiamo difendere e tutelare la Dieta mediterranea mentre poi quelle stesse istituzioni che la difendono si trovano a minarla nel quotidiano. I piccoli pescatori della Menaica, che sono essi stessi presidio di una pratica che va avanti da centinaia e migliaia di anni, non possono essere ostaggio di una legge che non tiene conto di quelli che sono gli aspetti e valori reali della nostra cultura. E' un problema innanzitutto culturale e poi economico".

Giuseppe Grieco

Altri articoli Attualita'

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login