Gabetti
Breaking News
A Scario una barca da pesca dedicata a Papa...
Urban Trek a Lentiscosa, tra chiese e maracuoccio
Sequestro preventivo al Porto di Policastro
Morigerati e' ancora Bandiera Arancione, lunedi'...
Comune consegna Aula Informatica a scuola....
L'Istituto Da Vinci di Sapri presenta il volume...
Inaugurata a Sapri la nuova sede Cisl (FOTO)
Strada chiusa: torna la postazione del 118
Presentato il regolamento per la concessione...
Gruppo Camerota Riparte: ''Dal Sindaco Scarpitta...
La scoperta: Federico Fazio, calciatore della...
La Diocesi di Teggiano Policastro celebra a...
Lotta al randagismo: Comune vieta abbandono...
Parte oggi la Scuola del Vangelo per la Forania...
Tutto si trasforma: esposizione di oggetti creati...
Nuovo bando per recuperare e valorizzare i beni...
Provincia di Salerno: successo di pubblico e di...
Scatti di pace: il tema della Festa annuale...
Camerota, pericolosa frana al Ciglioto: strada...
Sta per arrivare al Cineteatro Tempio del Popolo...
Marina di Camerota, un progetto per trasformare...
Resto al Sud: incentivi per i giovani...
Chiara Avagliano si dimette dalla carica di...
Presentazione del Marchio del Parco
Premiazione del contest ''Cosa vedono i miei...
Presepiando 2018, il video con tutte le opere in...
Palinuro ricorda i tre sub deceduti nella grotta
Torna ''Il mare d'inverno'', i volontari di Fare...
Camerota, turisti e cittadini raccontano la...
2 lontre a spasso nell'oasi Wwf di Morigerati...
Giochi d'azzardo, allarme rosso! Pyros 223 in...
Nasce ad Agropoli ''VIVICILENTO''
Nasce il logo Cilento Run: l'uomo al centro, le...
Pro Loco San Giovanni a Piro - Bosco: aperte le...
Il Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e...
Dimentica borsa con 700 euro sul treno. Lieto...
Camerota, un nuovo comandante per i vigili urbani
Strade Provinciali, al via i lavori di messa in...
Santa Marina: primi passi per il nuovo, moderno,...
Camerota, approvato il regolamento per l'adozione...
Il Premio Letterario Roccagloriosa si prepara per...
Asl Salerno, partono i nuovi concorsi per...
Class Action contro Consac. Maione: ''a Santa...
7 mila euro per la sicurezza delle scuole di San...
Il 2018 si apre con un tuffo rigenerante nelle...
Il Premio del Sorriso 'Michele Russo' all'Ass....
Santa Marina: class action contro la Consac per i...
Provincia di Salerno, approvato il rendiconto 2016
Policastro Bussentino: salvata una Gru ferita da...
Incidenti di caccia, per il WWF Campania e'...
Omicidio Caruso, condannato a 14 anni Florin Nutu
Nel mondo del podismo campano irrompe l'ASD...
Il Giro d'Italia torna nel Cilento, vediamo nel...
Fede, tradizione e pieta' popolare: Rosalia...
Cilento Experience: un territorio da vivere. Tra...

Class Action contro Consac. Maione: ''a Santa Marina perdite del 53 per cento'', Fortunato: ''non c'e' limite all'indecenza''



Continua la querelle sul servizio idrico a Santa Marina.

Dopo la notizia della class action annunciata dal Sindaco Giovanni Fortunato contro Consac per i disagi estivi, il Presidente della Società che gestisce il servizio idrico, Gennaro Maione, ha replicato: "Questa azione andrebbe condotta da parte dei cittadini a carico del Comune, che tenta di attribuire al gestore la causa delle interruzioni e delle turnazioni dell’erogazione idropotabile verificatesi la scorsa estate, quando le perdite di Santa Marina ammontano a circa il 53 per cento". "Se il Comune, - il punto di vista di Consac - proprietario della rete ed unico soggetto legittimato ad intervenire con lavori straordinari, avesse nel corso degli anni sostituito la fatiscente rete interna, la grave crisi idrica da scarsità, che ha interessato il territorio e che ha massimamente colpito proprio le sorgenti di Sanza che alimentano il centro abitato di Santa Marina, avrebbe avuto ben altri esiti".

Pronta è giunta oggi la risposta di Giovanni Fortunato: “Non c'è limite all'indecenza, io mi sarei aspettato un mea culpa da parte del presidente dell’Ente e delle scuse a tutti i cittadini dei paesi che hanno subito il disagio, in modo particolare a quelli di Santa Marina, a tutti coloro che non hanno visto erogato il servizio per diversi giorni e, in molte occasioni, hanno visto uscire dalle proprie tubature acqua non potabile, sporca e a volte anche salata. La cosa ancora più assurda è che nonostante il disservizio e il disagio subito per diversi mesi, arrivino ugualmente le bollette da pagare. Ancor più grave a mio parere poi è addossare la colpa al Comune della fatiscenza della rete idrica".

"La rete va adeguata e mantenuta dall’Ente che gestisce il servizio e per il quale viene pagato dai cittadini. - continua il Sindaco - Il Comune purtroppo non gestisce il servizio in maniera autonoma, anzi io mi auguro che in futuro possa farlo, di sicuro verrebbe amministrato in maniera adeguata e nel rispetto dei diritti dei cittadini, senza nessun disservizio e con una riduzione dei costi di oltre il 50%"

Altri articoli Attualita'

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login