Zazza
Breaking News
L'Istituto Teodoro Gaza partecipa alla 12a...
A Sala Consilina, un convegno sulla Pace fiscale
San Giovanni a Piro, Birba scomparsa da una...
San Giovanni a Piro, pile e placche nuove per il...
Celle di Bulgheria, ristrutturata la fontana piu...
La Pastorale Familiare e Vita organizza il quinto...
Borse di studio per gli studenti delle scuole...
Telesoccorso gratuito per anziani e disabili, al...
Torraca: il campo sportivo in memoria dei due...
Piano di Zona S9, 724mila euro per l'occupazione...
Camerota, progetto asilo nido ammesso a...
La Citta' di Salerno chiude, licenziati tutti i...
Il Consigliere provinciale Carmelo Stanziola neo...
Parco Nazionale del Cilento: Patrocini e...
Procede l'iter per la strada Camerota-Lentiscosa
L'abbraccio sangiovannese per il popolo...
Nel Parco del Cilento la seconda edizione della...
Piano di Zona S9, in arrivo due nuove autovetture...
Studenti cilentani al lavoro in Capitaneria di...
Torraca, al via i lavori per la metanizzazione
L'Associazione Il Tempo per L'oro di Sapri...
Online il nuovo sito web istituzionale del Comune...
Promozione delle imprese che puntano al futuro,...
Eletto il nuovo Consiglio provinciale di Salerno....
Graficamente: tanta voglia di riscatto del...
Camerota, a mensa una figura esperta per bambini...
Una Marcia per la Pace, le immagini da San...
La Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore e...
Eletto il nuovo direttivo della Pro Loco San...
Giorno della Memoria, a Salerno la consegna della...
Cilento di Corsa 2019, svelate le 14 tappe del...

Il Comitato Almenolacqua chiede un incontro al Presidente Consac



Il comitato denominato “Almenolacqua”, guidato dal professore Giuseppe Cilento, ha inviato al Presidente dell’azienda Consac una lettera chiedendo un incontro al fine di comprendere "in quale direzione si stiano sviluppando gli investimenti dell’Ente e quale sia il loro stato di attuazione".

La richiesta è preceduta da una ricca premessa, in cui si evince che "le condotte idriche del Consac versano in condizioni critiche da decenni", inoltre si fa notare che la Regione Campania "ha stanziato 1.602.000 euro per l’emergenza idrica, e che tali fondi riguardano la realizzazione  o il raddoppio di due impianti di potabilizzazione e la creazione di ulteriori pozzi alla sorgente Faraone", zona ricca di acque sorgive in cui un lavoro del genere "potrebbe arrecare serissimi ed irreversibili danni a una delle più importanti risorse del sistema Consac". In tal modo si risparmierebbero, dice la nota, 950.000 euro.

La missiva continua richiamando il bilancio dell’azienda, da cui sarebbe possibile "reperire risorse per la sostituzione dei tubi", riducendo così i costi sia per quanto riguarda l’acquisto di acqua dai potabilizzatori ("più che raddoppiati in 4 anni") che per la riparazione delle condotte.

Il Comitato denuncia anche il metodo di acquisto di acqua dai potabilizzatori "per poi immetterla in tubi usurati e non più riparabili", poiché questo farebbe lievitare i costi dell'ente.

In ultimo la lettera spiega come i costi di gestione "abbiano prodotto un aumento tariffario che grava sulle spalle degli utenti", ponendo diversi dubbi sulle opere annunciate, i pozzi a San Giovanni a Piro e Camerota (che verrebbero realizzati con fondi finanziati dalla Regione per altri lavori), "da eseguirsi in una logica non emergenziale".

Giuseppe Grieco

Altri articoli Attualita'

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login