Gabetti
Breaking News
Sapri: maggioranza e opposizione unite contro la...
Tutti a Bosco per la Festa della Castagna!
3 milioni di euro al Comune di San Giovanni a...
Roccagloriosa e le sue antiche bellezze presente...
Sul porto di Marina di Camerota nascera' il Museo...
Salerno: domani Consiglio provinciale....
Viabilita', stanziati 553 milioni per 285...
Finanziata opera storica: oltre 1 milione per la...
Sicurezza degli edifici scolastici, fondi dalla...
Premio Nassiriya per la Pace, a ritirare il...
Santa Marina: contributi per la realizzazione di...
La Diocesi di Teggiano Policastro organizza una...
Dal 1 gennaio 2019 chiudera' il punto nascita...
Turismo: appuntamento a Palinuro per la tavola...
Incidente nel golfo di Policastro: marittimo...
L'Europa chiama il Cilento: giovani aspiranti...
Presentato in Provincia di Salerno il progetto...
A Sapri la presentazione del libro 'Miti e...
Camerota, via ai lavori al porto. Scarpitta:...
Torna il Premio Internazionale Nassiriya per la...
Camerota, arriva la fibra ottica ultraveloce....
Cento anni dalla fine della prima guerra...
Il brigantaggio, ''fenomeno da rivalutare''....
Direttamente da Kabul il videomessaggio di auguri...
Michele Strianese nuovo Presidente della...
Pyros 233 in edicola: 40esimo Famiglia...
Piano di Zona S9, nuove opportunita di formazione...
Il Vescovo De Luca conclude la Settimana Mariana,...
Diffamazione: assolto Dario Vassallo
Da Teggiano a Taranto due giovani conquistano la...
Il PNCVDA alla Barcolana di Trieste annuncia la...
Italia nascosta, l'Oasi di Morigerati tra i 65...

Il Comitato Almenolacqua chiede un incontro al Presidente Consac



Il comitato denominato “Almenolacqua”, guidato dal professore Giuseppe Cilento, ha inviato al Presidente dell’azienda Consac una lettera chiedendo un incontro al fine di comprendere "in quale direzione si stiano sviluppando gli investimenti dell’Ente e quale sia il loro stato di attuazione".

La richiesta è preceduta da una ricca premessa, in cui si evince che "le condotte idriche del Consac versano in condizioni critiche da decenni", inoltre si fa notare che la Regione Campania "ha stanziato 1.602.000 euro per l’emergenza idrica, e che tali fondi riguardano la realizzazione  o il raddoppio di due impianti di potabilizzazione e la creazione di ulteriori pozzi alla sorgente Faraone", zona ricca di acque sorgive in cui un lavoro del genere "potrebbe arrecare serissimi ed irreversibili danni a una delle più importanti risorse del sistema Consac". In tal modo si risparmierebbero, dice la nota, 950.000 euro.

La missiva continua richiamando il bilancio dell’azienda, da cui sarebbe possibile "reperire risorse per la sostituzione dei tubi", riducendo così i costi sia per quanto riguarda l’acquisto di acqua dai potabilizzatori ("più che raddoppiati in 4 anni") che per la riparazione delle condotte.

Il Comitato denuncia anche il metodo di acquisto di acqua dai potabilizzatori "per poi immetterla in tubi usurati e non più riparabili", poiché questo farebbe lievitare i costi dell'ente.

In ultimo la lettera spiega come i costi di gestione "abbiano prodotto un aumento tariffario che grava sulle spalle degli utenti", ponendo diversi dubbi sulle opere annunciate, i pozzi a San Giovanni a Piro e Camerota (che verrebbero realizzati con fondi finanziati dalla Regione per altri lavori), "da eseguirsi in una logica non emergenziale".

Giuseppe Grieco

Altri articoli Attualita'

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login