Gabetti
Breaking News
Online il secondo bando del progetto ErasmusPlus...
Cultura e innovazione per Velia bene comune
Firmato accordo di programma tra Regione...
Avviso agli automobilisti: chiuso un tratto di...
Cilento di Corsa: a Salerno la presentazione del...
Anziano scomparso a San Giovanni a Piro, alcune...
8 sotto un tetto! la storia della famiglia...
Parte la seconda edizione del Premio...
Deferite 17 persone per reati in materia...
Risate e solidarieta' alla Festa AVSI 2017 (VIDEO)
Il Cineteatro Ferrari lancia l'iniziativa 'Ti...
Una pizza per l'Africa
Importante e utile iniziativa per i cittadini...
Il Parco Nazionale abbatte l'ecomostro di Petina
Parole Note sul palco del Cineteatro Ferrari
Nella Giornata dedicata alla Consapevolezza...
Giornata nazionale contro le mafie, il Piano di...
30enne trovato in possesso di 50 grammi di...
Foto e corti dal Cilento, il Premio Pietro De...
Caserta: primo trionfo in una maratona per...
A Marina di Camerota, Minerva - Mostra Collettiva...
Omicidio di Roccagloriosa: rimossi i sigilli alla...
Lavoro: Consac cerca operai
A Policastro Bussentino la XXXII Giornata...
Capo Palinuro: sequestrate le grotte del...
Sviluppo rurale: aperti i termini per la...
Fratelli d'Italia-AN sceglie i portavoce comunali...
Terremoto politico a Camerota. Il Sindaco rimuove...
Riscopriamo il territorio: la Porrazzita e la...
Pro Loco San Giovanni a Piro Bosco, aperte le...
Improvviso colpo di scena per la carica di...
Il Consigliere Sorrentino, deleghe in Provincia:...
Dramma a San Giovanni a Piro, muore nella propria...
Provincia, il Presidente Canfora ufficializza le...
La dea bendata bacia Scario, vinti 22.350 euro
Scario: a breve al via la seconda edizione del...
Innalzamento del Mediterraneo, Scario scelto come...
10 pagine dedicate a San Giovanni a Piro sulla...
Opportunita' di lavoro presso l'Ambito...
Home Care Premium 2017, progetto di assistenza...
40 anni di risate e sfotto', ecco il Testamento...
Le immagini della quadriglia e del carnevale 2017...
L'Istituto T. Gaza organizza il 13esimo Premio di...
'A Prescindere...': dal 21 al 23 luglio la 5a...
La programmazione fino a marzo del Cineteatro...
Cilento di Corsa 2017, ufficializzate le 11 tappe
Il Premio letterario Roccagloriosa giunge alla...
Classifica della qualita' delle acque per il...
Obbligo di catene a bordo o pneumatici da neve da...
Intensa e sentita celebrazione della Virgo...
Avviso: pulizia strade, attenzione ai divieti di...

Rinvio a giudizio per diffamazione a mezzo stampa



Il Gup di Vallo della Lucania, Tiziana Santoriello, nell’udienza del primo febbraio ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio del Procuratore della Repubblica dott.ssa Ivana Niglio, formulata nei confronti dell’emittente televisiva 105 Tv per l’imputazione del reato di diffamazione con l’aggravante del mezzo della stampa. Ottiene per ora parziale riabilitazione la reputazione della persona offesa:  Giuseppe Apicella.

I fatti risalgono al marzo 2013 quando Apicella veniva sottoposto dai carabinieri della Stazione di Vibonati alla misura cautelare della arresto - facoltativo in stato di flagranza - per l’ipotesi delittuosa di furto aggravato di energia elettrica. Il P.M. competente disponeva in maniera immediata il regime degli arresti domiciliari.

Il 25 marzo 2013 il “telegiornale dell’emittente 105 T.V.”, condotto all’epoca da Roberta Cosentino, il cui servizio specifico aveva voce narrante della collega Antonietta Nicodemo, nell’informare dell’episodio relativo all’arresto di Apicella, dichiarando l’identità dello stesso, l’età e la residenza in Scario, riferiva, più volte durante il servizio, espressioni passibili di diffamazione quali: il “ladro”, il “ladro scariota già noto alle forze dell’ordine”. Soltanto il 26 marzo si teneva l’udienza di convalida dell’arresto con la chiusura delle indagini preliminari. Apicella, per conto del suo difensore, avv. Flavio Beati, ritenendo lesa la sua reputazione in virtù della sua dettagliata identificazione, presentava immediata istanza di querela alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania.

In questi giorni la notizia di rinvio a giudizio (al 3 luglio prossimo) dell’emittente televisiva difesa dall’avvocato Franco Maldonato.

In attesa del dibattimento esprime soddisfazione l’avvocato Beati sottolineando che “la Suprema Corte di Cassazione già con sentenza del 1995, n.° 221, ha statuito come giammai una persona, sebbene tratta in stato di arresto o addirittura condannata (figurarsi in ipotesi d’imputazione provvisoria) per ipotesi di furto, possa essere chiamata con il termine diffamatorio di “LADRO”, dovendo, per tale pronuncia, sussistere tre condizioni affinché vi sia la scriminante del diritto di cronaca, ossia:”a) che la notizia sia vera; b) che esista un interesse pubblico alla sua divulgazione in relazione alla sua rilevanza; c) che l’informazione sia espressa in termini civili, ossia non offensivi dell’altrui onore””.

Comunicato stampa

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login