Gabetti
Breaking News
Festeggiando la liberazione...con chi la storia...
Le ''Barchette di San Pietro'' invadono il...
Teatro, grande successo a Celle di Bulgheria per...
''Primavera sangiovannese, avifauna e...
Cilento, prende il via domani ''E...Vivi...
Corsa del Mito, Tuttinsieme dedica la nona...
Il Piano di Zona S9 cerca operatori per i servizi...
I Ditelo Voi e I Sonohra alla Festa di...
Sbloccati i fondi Feamp per il porto di Marina di...
Maratea, riapre il porto dopo la mareggiata
Centola, tolleranza zero contro gli...
Camerota, Delegata al Decoro lancia appello ai...
Camerota, sugli smartphone dei cittadini un...
San Giovanni a Piro, terzo incontro sul tema...
Piacenza: alla 166esima Festa della Polizia...
Centola, finanziati 5 progetti per la messa in...
Graficamente Love Cilento
Ad uccidere il giovane Antonio Pascuzzo e' stata...
Alla Corsa del Mito un seminario di aggiornamento...
Carelli nuovo Comandante della stazione dei...
Carnevale del Cilento 2018, vince Marina di...
Lentiscosa, condotta idrica in amianto-cemento:...
Vincenzo Summa di Picerno conquista il Trout...
Franco Magliano della Cilento Run a Seregno per...
Omicidio Pascuzzo, arrestato un 18enne
Capaccio, giornata del benessere tra le erbe...
A Camerota un software innovativo per l'imposta...
Il giovane Antonio Alexander Pascuzzo e' stato...
Buonabitacolo, ritrovato senza vita il corpo di...
Dalla Regione fondi ai musei della civilta...
Scario, auto contro i tavolini di un bar,...
Bianco Tanagro, programma ufficiale e i...
Corsa del Mito, boom di iscritti
Mille studenti per visitare le bellezze di...
Ceraseto in fiamme, il Consigliere regionale Enzo...
Due boati spaventano i cilentani, colpa di 2...
Consac apre altri due sportelli fisici a Sapri e...
''Frammenti di emozioni'', la nuova opera di...
Doppia iniziativa del Forum dei Giovani della...
Giuseppe Tripari taglia il traguardo delle 200...
Fiamme avvolgono il Ceraseto, distrutto uno dei...
Fratelli d'Italia, il sindaco di Santa Marina...
Sommozzatore spagnolo salvato dalla Guardia...
Certosa di Padula, dal 7 aprile al 3 giugno Nova...
Battiti di Pesca ritorna tra i banchi di scuola!...
Ritorna il Meeting del Mare, ufficializzati gli...
Incremento delle forze dell'ordine a Camerota,...
Ogni anno, il martedi' dopo Pasqua, il Santuario...
Sapri, prodotti cosmetici e alta moda ''made in...
Torraca, Cittadinanza Onoraria all'Ing. Nicola...
Francesco De Gregori, Luca Barbarossa e Luca...
Pyros 226: speciale elezioni, matrimoni a...
28 milioni di euro per gli artigiani dalla...
A Pasquale Nicodemo e Graziano Sisinni il Gran...
EQUINOZIO D'AUTUNNO XIII edizione: anteprima 22...
A Policastro Bussentino il Corso di Formazione...
Grande Concerto di Francesco De Gregori a Scario...
Foto e Corti dal Cilento, il premio dedicato a...
Bianco Tanagro sempre piu' green! le...
Echi dal mare: 'Tuttinsieme' indice la terza...
BUONISSIMI 2018, ufficializzate le coordinate...

Rinvio a giudizio per diffamazione a mezzo stampa



Il Gup di Vallo della Lucania, Tiziana Santoriello, nell’udienza del primo febbraio ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio del Procuratore della Repubblica dott.ssa Ivana Niglio, formulata nei confronti dell’emittente televisiva 105 Tv per l’imputazione del reato di diffamazione con l’aggravante del mezzo della stampa. Ottiene per ora parziale riabilitazione la reputazione della persona offesa:  Giuseppe Apicella.

I fatti risalgono al marzo 2013 quando Apicella veniva sottoposto dai carabinieri della Stazione di Vibonati alla misura cautelare della arresto - facoltativo in stato di flagranza - per l’ipotesi delittuosa di furto aggravato di energia elettrica. Il P.M. competente disponeva in maniera immediata il regime degli arresti domiciliari.

Il 25 marzo 2013 il “telegiornale dell’emittente 105 T.V.”, condotto all’epoca da Roberta Cosentino, il cui servizio specifico aveva voce narrante della collega Antonietta Nicodemo, nell’informare dell’episodio relativo all’arresto di Apicella, dichiarando l’identità dello stesso, l’età e la residenza in Scario, riferiva, più volte durante il servizio, espressioni passibili di diffamazione quali: il “ladro”, il “ladro scariota già noto alle forze dell’ordine”. Soltanto il 26 marzo si teneva l’udienza di convalida dell’arresto con la chiusura delle indagini preliminari. Apicella, per conto del suo difensore, avv. Flavio Beati, ritenendo lesa la sua reputazione in virtù della sua dettagliata identificazione, presentava immediata istanza di querela alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania.

In questi giorni la notizia di rinvio a giudizio (al 3 luglio prossimo) dell’emittente televisiva difesa dall’avvocato Franco Maldonato.

In attesa del dibattimento esprime soddisfazione l’avvocato Beati sottolineando che “la Suprema Corte di Cassazione già con sentenza del 1995, n.° 221, ha statuito come giammai una persona, sebbene tratta in stato di arresto o addirittura condannata (figurarsi in ipotesi d’imputazione provvisoria) per ipotesi di furto, possa essere chiamata con il termine diffamatorio di “LADRO”, dovendo, per tale pronuncia, sussistere tre condizioni affinché vi sia la scriminante del diritto di cronaca, ossia:”a) che la notizia sia vera; b) che esista un interesse pubblico alla sua divulgazione in relazione alla sua rilevanza; c) che l’informazione sia espressa in termini civili, ossia non offensivi dell’altrui onore””.

Comunicato stampa

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login