Gabetti
Breaking News
Cilento, prende il via domani ''E...Vivi...
Corsa del Mito, Tuttinsieme dedica la nona...
Il Piano di Zona S9 cerca operatori per i servizi...
I Ditelo Voi e I Sonohra alla Festa di...
Sbloccati i fondi Feamp per il porto di Marina di...
Il Coordinamento Provinciale dei Forum dei...
Maratea, riapre il porto dopo la mareggiata
Centola, tolleranza zero contro gli...
Camerota, Delegata al Decoro lancia appello ai...
Camerota, sugli smartphone dei cittadini un...
San Giovanni a Piro, terzo incontro sul tema...
Piacenza: alla 166esima Festa della Polizia...
Polla ospita la Giornata diocesana dei giovani...
Centola, finanziati 5 progetti per la messa in...
Graficamente Love Cilento
Ad uccidere il giovane Antonio Pascuzzo e' stata...
Alla Corsa del Mito un seminario di aggiornamento...
Carelli nuovo Comandante della stazione dei...
Carnevale del Cilento 2018, vince Marina di...
Lentiscosa, condotta idrica in amianto-cemento:...
Vincenzo Summa di Picerno conquista il Trout...
Franco Magliano della Cilento Run a Seregno per...
Omicidio Pascuzzo, arrestato un 18enne
San Giovanni a Piro a Portici per la...
Capaccio, giornata del benessere tra le erbe...
A Camerota un software innovativo per l'imposta...
Il giovane Antonio Alexander Pascuzzo e' stato...
Buonabitacolo, ritrovato senza vita il corpo di...
Dalla Regione fondi ai musei della civilta...
Scario, auto contro i tavolini di un bar,...
Bianco Tanagro, programma ufficiale e i...
Corsa del Mito, boom di iscritti
Mille studenti per visitare le bellezze di...
Ceraseto in fiamme, il Consigliere regionale Enzo...
Due boati spaventano i cilentani, colpa di 2...
Il Sindaco Pescatore approda al Teatro San Carlo...
Consac apre altri due sportelli fisici a Sapri e...
''Frammenti di emozioni'', la nuova opera di...
Doppia iniziativa del Forum dei Giovani della...
Giuseppe Tripari taglia il traguardo delle 200...
Fiamme avvolgono il Ceraseto, distrutto uno dei...
Fratelli d'Italia, il sindaco di Santa Marina...
Sommozzatore spagnolo salvato dalla Guardia...
Certosa di Padula, dal 7 aprile al 3 giugno Nova...
Battiti di Pesca ritorna tra i banchi di scuola!...
Ritorna il Meeting del Mare, ufficializzati gli...
Incremento delle forze dell'ordine a Camerota,...
Ogni anno, il martedi' dopo Pasqua, il Santuario...
Sapri, prodotti cosmetici e alta moda ''made in...
Torraca, Cittadinanza Onoraria all'Ing. Nicola...
Francesco De Gregori, Luca Barbarossa e Luca...
Pyros 226: speciale elezioni, matrimoni a...
28 milioni di euro per gli artigiani dalla...
A Pasquale Nicodemo e Graziano Sisinni il Gran...
San Giovanni a Piro, nasce l'Associazione...
Paletnologia nel Cilento, partono i laboratori di...
EQUINOZIO D'AUTUNNO XIII edizione: anteprima 22...
A Policastro Bussentino il Corso di Formazione...
Grande Concerto di Francesco De Gregori a Scario...
Foto e Corti dal Cilento, il premio dedicato a...
Bianco Tanagro sempre piu' green! le...
Echi dal mare: 'Tuttinsieme' indice la terza...
BUONISSIMI 2018, ufficializzate le coordinate...

Scosse di bassa magnitudo nel mare di Pisciotta, il punto di vista del prof. Ortolani



3 scosse di bassa magnitudo sono state registrate dall'INGV nei giorni 18 e del 19 settembre 2017 nel mare del Cilento al largo di Pisciotta/Palinuro. Riportiamo il commento del prof. Franco Ortolani, esperto della materia:

Tre terremoti si sono verificati in una fascia caratterizzata da bassa sismicità, di magnitudo 2,3 quello di ieri 18 settembre e di magnitudo 2,8 (ore 13:36) e poi 2,4 (ore 17:24) quelli di oggi 19 settembre, simile a quella dell’evento del 31 gennaio 2017 che ebbe magnitudo 2,2 alcuni chilometri a sud est al largo del Golfo di Policastro.

Come ho già spiegato altre volte si tratta di eventi di bassa magnitudo che avvengono nella fascia appenninica emersa e sommersa del Cilento caratterizzata da bassa pericolosità sismica come risulta dagli elaborati ufficiali di INGV. Nella figura allegata (in basso) ho riportato alcuni altri eventi sismici che hanno interessato il Cilento.

Forti terremoti si sono originati e possono originarsi nella fascia viola che comprende l’alta val d’Agri e l’epicentro del terremoto del 1980 fino a raggiungere l’area dell’Aquila e dell’Italia centrale interessata dai disastrosi eventi dell’anno scorso da Amatrice a Norcia. Gli studi eseguiti finora hanno consentito di individuare e delimitare le aree nel cui sottosuolo si trovano faglie attive in grado di originare terremoti di magnitudo superiore a 5,4.

Nel Cilento costiero e Golfo di Policastro, non sono state individuate faglie sismogenetiche in grado di originare terremoti distruttivi. Nel Cilento costiero i terremoti avvenuti hanno avuto magnitudo massima intorno a 4; nel Golfo di Policastro si ebbe un terremoto di magnitudo superiore a 5 nel 1982, in mare, tra Maratea e Praia a Mare. Le sorgenti sismiche che hanno causato danni lievi ai manufatti sono quelle dell'area epicentrale del sisma del 1857 e dell'evento del 1982 tra Maratea e Praia a Mare. In base ai dati disponibili e alle conoscenze strutturali si evidenzia che il Cilento costiero e la Basilicata tirrenica sono stati interessati da effetti macrosismici massimi variabili tra 7 ed 8.

Gli effetti locali di un sisma, oltre che dalla vicinanza e dalla "potenza" della sorgente sismica, sono strettamente dipendenti anche dalle caratteristiche geologico-tecniche locali e dal tipo di manufatti interessati dalle sollecitazioni sismiche. Si ricorda che le faglie attive sismogenetiche in grado di generare violenti terremoti (dal X al XI grado MCS) si trovano più ad est, tra Balvano e Lioni (sisma del 1980), nei pressi di Caggiano (sisma del 1561), tra il Vallo di Diano e l’alta val d’Agri (sisma del 1857) e da Lagonegro alla Valle del Crati e la Sila. Eventi sismici di elevata magnitudo come quello del 1857 potrebbero causare sollecitazioni ai manufatti più preoccupanti di quelle indotte dai sismi che si possono originare nella crosta al di sotto del Cilento costiero.

Concludendo, nella fascia costiera al di sotto del Cilento e del Golfo di Policastro, un base all'assetto strutturale fino ad oggi ricostruito e alla storia sismica degli ultimi 2000 anni, non si possono generare sismi in grado di arrecare danni significativi (dall'ottavo grado macrosismico in su) all'ambiente ed ai manufatti.

21764909_1559924240752185_3951335163616319183_n

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login