Gabetti
Breaking News
Anastacia si, Anastacia no...prima le accuse, poi...
La danza dei delfini nel blu della Masseta (VIDEO)
Torna La Rocca delle Arti
Camerota, frana Mingardo. Scarpitta: Prevenzione...
Torna la magia della Storica Maratona degli Ulivi...
San Giovanni a Piro in lutto per la dipartita...
Cilento Run, i risultati dell'ultimo weekend:...
Al via la 15esima edizione della Transmarathon
Gilio Iannone e Ilenia Rotaroberto conquistano la...
Licusati, 25esima Sagra del Cavatello Cusitano:...
Il 23 agosto a Policastro il primo Festival delle...
Storie...in Piazza accoglie Wanda Marasco (FOTO)
Anastacia annuncia: annullato il concerto di Sapri
Dogtoilet: parte a Scario il progetto...
Concerti di Anastacia e Nino d'Angelo: domani la...
Diciottesima edizione del torneo di Tressette:...
Guardia Costiera: circa 5 km di spiagge libere...
Camerota, Comune ottiene pioggia di fondi per le...
XIX Pellegrinaggio a piedi Policastro -...
Torna a splendere l'arte sartoriale alla...
Il Tornito fa il bis, conquistando il XIX Palio...
Lavoro ben fatto
Camerota, blitz dei vigili: via gli ombrelloni...
''Request to change famil'' miglior film assoluto...
Un incantevole viaggio nel Medioevo, tra...
Via del Pozzo o via Tragara? Pyros 230 in edicola
Nel Cilento torna ''E...Vivi Bulgheria'', la...
Concorso di Poesia Pasquale Fortunato: primo...
Fisciano, lettera per scongiurare disagi agli...
Spiagge per disabili, il golfo di Policastro...
Un viaggio nelle Terre dei Romei Bizantini:...
Camerota, fermi e sequestri: sgomberata la pineta...
Piano di Zona S9, la Coordinatrice Di Luca...
Simona Magliano e Giuseppe Sorrentino vincono la...
Villammare, schiuse le sei uova di Corriere...
Santa Marina: richiesta di attivazione del...
Stanziola scrive al prefetto: ''Anche il Comune...
Piano di Zona S9, al via le domande per gli...
David Limentani di Roma conquista il sesto...
Sei uova da difendere! a Villammare...
Storie...in Piazza, uscito il cartellone per...
Il centro storico di Lentiscosa si abbellisce di...
Il programma degli eventi dell'estate 2018 a San...
Il Museo Diocesano di Policastro Bussentino apre...
Estate nel Comune di Santa Marina, tutte le...
Il Vescovo De Luca indice la Visita Pastorale...
Eventi estate 2018 a Camerota: cultura,...
Francesco De Gregori, Luca Barbarossa e Luca...
EQUINOZIO D'AUTUNNO XIII edizione: anteprima 22...
Grande Concerto di Francesco De Gregori a Scario...

Scosse di bassa magnitudo nel mare di Pisciotta, il punto di vista del prof. Ortolani



3 scosse di bassa magnitudo sono state registrate dall'INGV nei giorni 18 e del 19 settembre 2017 nel mare del Cilento al largo di Pisciotta/Palinuro. Riportiamo il commento del prof. Franco Ortolani, esperto della materia:

Tre terremoti si sono verificati in una fascia caratterizzata da bassa sismicità, di magnitudo 2,3 quello di ieri 18 settembre e di magnitudo 2,8 (ore 13:36) e poi 2,4 (ore 17:24) quelli di oggi 19 settembre, simile a quella dell’evento del 31 gennaio 2017 che ebbe magnitudo 2,2 alcuni chilometri a sud est al largo del Golfo di Policastro.

Come ho già spiegato altre volte si tratta di eventi di bassa magnitudo che avvengono nella fascia appenninica emersa e sommersa del Cilento caratterizzata da bassa pericolosità sismica come risulta dagli elaborati ufficiali di INGV. Nella figura allegata (in basso) ho riportato alcuni altri eventi sismici che hanno interessato il Cilento.

Forti terremoti si sono originati e possono originarsi nella fascia viola che comprende l’alta val d’Agri e l’epicentro del terremoto del 1980 fino a raggiungere l’area dell’Aquila e dell’Italia centrale interessata dai disastrosi eventi dell’anno scorso da Amatrice a Norcia. Gli studi eseguiti finora hanno consentito di individuare e delimitare le aree nel cui sottosuolo si trovano faglie attive in grado di originare terremoti di magnitudo superiore a 5,4.

Nel Cilento costiero e Golfo di Policastro, non sono state individuate faglie sismogenetiche in grado di originare terremoti distruttivi. Nel Cilento costiero i terremoti avvenuti hanno avuto magnitudo massima intorno a 4; nel Golfo di Policastro si ebbe un terremoto di magnitudo superiore a 5 nel 1982, in mare, tra Maratea e Praia a Mare. Le sorgenti sismiche che hanno causato danni lievi ai manufatti sono quelle dell'area epicentrale del sisma del 1857 e dell'evento del 1982 tra Maratea e Praia a Mare. In base ai dati disponibili e alle conoscenze strutturali si evidenzia che il Cilento costiero e la Basilicata tirrenica sono stati interessati da effetti macrosismici massimi variabili tra 7 ed 8.

Gli effetti locali di un sisma, oltre che dalla vicinanza e dalla "potenza" della sorgente sismica, sono strettamente dipendenti anche dalle caratteristiche geologico-tecniche locali e dal tipo di manufatti interessati dalle sollecitazioni sismiche. Si ricorda che le faglie attive sismogenetiche in grado di generare violenti terremoti (dal X al XI grado MCS) si trovano più ad est, tra Balvano e Lioni (sisma del 1980), nei pressi di Caggiano (sisma del 1561), tra il Vallo di Diano e l’alta val d’Agri (sisma del 1857) e da Lagonegro alla Valle del Crati e la Sila. Eventi sismici di elevata magnitudo come quello del 1857 potrebbero causare sollecitazioni ai manufatti più preoccupanti di quelle indotte dai sismi che si possono originare nella crosta al di sotto del Cilento costiero.

Concludendo, nella fascia costiera al di sotto del Cilento e del Golfo di Policastro, un base all'assetto strutturale fino ad oggi ricostruito e alla storia sismica degli ultimi 2000 anni, non si possono generare sismi in grado di arrecare danni significativi (dall'ottavo grado macrosismico in su) all'ambiente ed ai manufatti.

21764909_1559924240752185_3951335163616319183_n

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login