Gabetti
Breaking News
Il terzino del Toro Cristian Molinaro partecipa...
Bellissima giornata di sport a Scario, Alessandra...
Banca & Impresa: la Banca del Cilento...
Firmato Protocollo di Intesa tra la Federico II...
Cilentana: sottoscritta convenzione tra Regione e...
Grandi artisti per la ''Stagione Teatrale...
Scario su Sky, grazie al Memorial Giovanni...
Ritorna l'attesa Sagra della salsiccia e della...
Seconda edizione concorso ''STOP violenza''
Continua la Rassegna Voci e Suoni dai Borghi....
Pyros incontra Travaglio a Ceraso
I colori di Ortega tra Matera e il Cilento
Avviso dalla Consac ai giovani per un tirocinio...
Nessuno deve rimanere indietro
Le olimpiadi della solidarieta' raggiungono...
Celle di Bulgheria, il sindaco Marotta invitato a...
Tutto esaurito per il concerto di Peppe Servillo...
La societa' INWIT pronta a ridurre il numero...
Maria, Madre della santa Speranza: a San Giovanni...
Un concorso d'idee per la realizzazione del logo...
Rinvenuta lontra morta sulla Cilentana
Importanti novita' sulla depurazione nel golfo di...
In occasione della XII Settimana Mariana la...
Al via ''Voci e Suoni dai Borghi, la Rocca delle...
I devoti di Maria in cammino da Camerota al...
L'ultramaratoneta italiano Giuseppe Tripari porta...
Maturita': bonus di 340 euro a chi ha preso 100 e...
Esce domani Pyros 220: le voci di Equinozio,...
Il Vescovo De Luca presenta gli orientamenti per...
Cilento Experience: un territorio da vivere. Tra...
La Rai sceglie Maratea per il Capodanno 2018
Approvato il calendario scolastico 2017/2018, si...
L'elenco degli autovelox cilentani

Scosse di bassa magnitudo nel mare di Pisciotta, il punto di vista del prof. Ortolani



3 scosse di bassa magnitudo sono state registrate dall'INGV nei giorni 18 e del 19 settembre 2017 nel mare del Cilento al largo di Pisciotta/Palinuro. Riportiamo il commento del prof. Franco Ortolani, esperto della materia:

Tre terremoti si sono verificati in una fascia caratterizzata da bassa sismicità, di magnitudo 2,3 quello di ieri 18 settembre e di magnitudo 2,8 (ore 13:36) e poi 2,4 (ore 17:24) quelli di oggi 19 settembre, simile a quella dell’evento del 31 gennaio 2017 che ebbe magnitudo 2,2 alcuni chilometri a sud est al largo del Golfo di Policastro.

Come ho già spiegato altre volte si tratta di eventi di bassa magnitudo che avvengono nella fascia appenninica emersa e sommersa del Cilento caratterizzata da bassa pericolosità sismica come risulta dagli elaborati ufficiali di INGV. Nella figura allegata (in basso) ho riportato alcuni altri eventi sismici che hanno interessato il Cilento.

Forti terremoti si sono originati e possono originarsi nella fascia viola che comprende l’alta val d’Agri e l’epicentro del terremoto del 1980 fino a raggiungere l’area dell’Aquila e dell’Italia centrale interessata dai disastrosi eventi dell’anno scorso da Amatrice a Norcia. Gli studi eseguiti finora hanno consentito di individuare e delimitare le aree nel cui sottosuolo si trovano faglie attive in grado di originare terremoti di magnitudo superiore a 5,4.

Nel Cilento costiero e Golfo di Policastro, non sono state individuate faglie sismogenetiche in grado di originare terremoti distruttivi. Nel Cilento costiero i terremoti avvenuti hanno avuto magnitudo massima intorno a 4; nel Golfo di Policastro si ebbe un terremoto di magnitudo superiore a 5 nel 1982, in mare, tra Maratea e Praia a Mare. Le sorgenti sismiche che hanno causato danni lievi ai manufatti sono quelle dell'area epicentrale del sisma del 1857 e dell'evento del 1982 tra Maratea e Praia a Mare. In base ai dati disponibili e alle conoscenze strutturali si evidenzia che il Cilento costiero e la Basilicata tirrenica sono stati interessati da effetti macrosismici massimi variabili tra 7 ed 8.

Gli effetti locali di un sisma, oltre che dalla vicinanza e dalla "potenza" della sorgente sismica, sono strettamente dipendenti anche dalle caratteristiche geologico-tecniche locali e dal tipo di manufatti interessati dalle sollecitazioni sismiche. Si ricorda che le faglie attive sismogenetiche in grado di generare violenti terremoti (dal X al XI grado MCS) si trovano più ad est, tra Balvano e Lioni (sisma del 1980), nei pressi di Caggiano (sisma del 1561), tra il Vallo di Diano e l’alta val d’Agri (sisma del 1857) e da Lagonegro alla Valle del Crati e la Sila. Eventi sismici di elevata magnitudo come quello del 1857 potrebbero causare sollecitazioni ai manufatti più preoccupanti di quelle indotte dai sismi che si possono originare nella crosta al di sotto del Cilento costiero.

Concludendo, nella fascia costiera al di sotto del Cilento e del Golfo di Policastro, un base all'assetto strutturale fino ad oggi ricostruito e alla storia sismica degli ultimi 2000 anni, non si possono generare sismi in grado di arrecare danni significativi (dall'ottavo grado macrosismico in su) all'ambiente ed ai manufatti.

21764909_1559924240752185_3951335163616319183_n

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login