Gabetti
Breaking News
A Scario una barca da pesca dedicata a Papa...
Urban Trek a Lentiscosa, tra chiese e maracuoccio
Sequestro preventivo al Porto di Policastro
Morigerati e' ancora Bandiera Arancione, lunedi'...
Comune consegna Aula Informatica a scuola....
L'Istituto Da Vinci di Sapri presenta il volume...
Inaugurata a Sapri la nuova sede Cisl (FOTO)
Strada chiusa: torna la postazione del 118
Presentato il regolamento per la concessione...
Gruppo Camerota Riparte: ''Dal Sindaco Scarpitta...
La scoperta: Federico Fazio, calciatore della...
La Diocesi di Teggiano Policastro celebra a...
Lotta al randagismo: Comune vieta abbandono...
Parte oggi la Scuola del Vangelo per la Forania...
Tutto si trasforma: esposizione di oggetti creati...
Nuovo bando per recuperare e valorizzare i beni...
Provincia di Salerno: successo di pubblico e di...
Scatti di pace: il tema della Festa annuale...
Camerota, pericolosa frana al Ciglioto: strada...
Sta per arrivare al Cineteatro Tempio del Popolo...
Marina di Camerota, un progetto per trasformare...
Resto al Sud: incentivi per i giovani...
Chiara Avagliano si dimette dalla carica di...
Presentazione del Marchio del Parco
Premiazione del contest ''Cosa vedono i miei...
Presepiando 2018, il video con tutte le opere in...
Palinuro ricorda i tre sub deceduti nella grotta
Torna ''Il mare d'inverno'', i volontari di Fare...
Camerota, turisti e cittadini raccontano la...
2 lontre a spasso nell'oasi Wwf di Morigerati...
Giochi d'azzardo, allarme rosso! Pyros 223 in...
Nasce ad Agropoli ''VIVICILENTO''
Nasce il logo Cilento Run: l'uomo al centro, le...
Pro Loco San Giovanni a Piro - Bosco: aperte le...
Il Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e...
Dimentica borsa con 700 euro sul treno. Lieto...
Camerota, un nuovo comandante per i vigili urbani
Strade Provinciali, al via i lavori di messa in...
Santa Marina: primi passi per il nuovo, moderno,...
Camerota, approvato il regolamento per l'adozione...
Il Premio Letterario Roccagloriosa si prepara per...
Asl Salerno, partono i nuovi concorsi per...
Class Action contro Consac. Maione: ''a Santa...
7 mila euro per la sicurezza delle scuole di San...
Il 2018 si apre con un tuffo rigenerante nelle...
Il Premio del Sorriso 'Michele Russo' all'Ass....
Santa Marina: class action contro la Consac per i...
Provincia di Salerno, approvato il rendiconto 2016
Policastro Bussentino: salvata una Gru ferita da...
Incidenti di caccia, per il WWF Campania e'...
Omicidio Caruso, condannato a 14 anni Florin Nutu
Nel mondo del podismo campano irrompe l'ASD...
Il Giro d'Italia torna nel Cilento, vediamo nel...
Fede, tradizione e pieta' popolare: Rosalia...
Cilento Experience: un territorio da vivere. Tra...

Omicidio Caruso, condannato a 14 anni Florin Nutu



Si è svolta ieri presso il Tribunale di Vallo della Lucania l'udienza che ha definito il processo a carico del rumeno Florin Nutu, imputato per l'omicidio del sessantasette Vincenzo Caruso accaduto a Roccagloriosa il 29 novembre 2016.

Difeso dall'avv. Gaetano Lipiani, il trentanovenne rumeno che aveva scelto il rito abbreviato, è stato condannato alla pena di 14 anni di reclusione, all'interdizione legale per lo stesso periodo e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici, oltre al pagamento delle spese giudiziarie.

In apertura l'imputato ha reso dichiarazioni spontanee, accettando poi di sottoporsi all'esame delle parti; dopo la requisitoria del Pm Ivana Niglio, hanno discusso i difensori di parte civile Speranza e Paradiso che hanno sostenuto la tesi dell'omicidio volontario; successivamente ha preso la parola il difensore dell'imputato Gaetano Lipiani che ha sostenuto la tesi dell'eccesso colposo in legittima difesa e, in subordine, il carattere preterintenzionale dell'atto omicidiario.

Nel dispositivo, letto dopo quasi tre ore di camera di consiglio, il Giudice ha escluso sia l'aggravante dei futili motivi che l'applicazione delle circostanze attenuanti generiche limitandosi ad applicare la diminuzione di un terzo della pena edittale per la scelta del rito abbreviato, ed applicando di fatto la pena massima irrogabile attesa la scelta del rito abbreviato.

Il Giudice Maria Lamberti ha deciso anche sulle statuizioni civili condannando l'imputato al risarcimento dei danni a favore di ciascuna delle quattro parti civili disponendo per ciascuna una provvisionale di 30 mila euro e la refusione delle spese legali quantificate in 4.644 euro oltre accessori per ciascun difensore.

L'avv. Vincenzo Speranza, difensore delle sorelle della vittima costituite parti civili Caruso Sofia e Caruso Vittoria e l'avv. Salvatore Paradiso, patrono di parte civile per l'altra sorella Caruso Anna e per il fratello Caruso Antonio hanno espresso piena soddisfazione: “aspettiamo di conoscere le motivazioni della sentenza ma sin d'ora sottoliniamo che è stata pienamente accolta la nostra linea difensiva con il riconoscimento del carattere volontario dell'omicidio e la mancata applicazione delle attenuanti generiche”.

Secondo gli avvocati di parte civile restano ancora però dubbi sul reale movente dell'omicidio che non può essere sicuramente quello del mancato pagamento della somma di 500 euro.

La vicenda giudiziaria però non ha ancora trovato la parola fine perchè non è difficile immaginare che la sentenza, di cui si conosceranno le motivazioni entro 90 giorni, sarà appellata dalla difesa del Nutu.

Nelle more l'imputato resterà recluso nel carcere di Salerno con sospensione dei termini di custodia cautelare.

COMUNICATO STAMPA

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login