Gabetti
Breaking News
La musica racconta il Cilento, questa sera a...
Festa di Pietrasanta 2018: le celebrazioni in...
CorriVillammare: il 29 maggio la conferenza...
La Sarim premiata come Migliore impresa del...
A Milano la festa delle Bandiere Arancioni, per...
Sicurezza stradale: la Provincia di Salerno...
#36Corsalonga...si rinnova la passione a S....
Frecciarossa alla stazione di...
Partita la macchina organizzatrice della seconda...
Emozionante primo posto a Reggio Emilia per...
Celle di Bulgheria, due mostre per raccontare il...
Il Frecciarossa fermera' anche alla stazione di...
Due atleti della Cilento Run alla 9 Colli...
Emozione a Centola per la Poiana curata e rimessa...
Cilento Run, Antonello Landi e Rosmary Antico...
Camerota, apre a Licusati la prima biblioteca...
Un week-end tra pesca ricreativa e riflessioni...
Cilento: ritrovato resto del velivolo scomparso...
Il Meeting del Mare giunge alla XXII edizione....
Le imprese storiche salernitane premiate al...
A Palinuro le telecamere Rai di Linea Verde
La Grotta della Cala sul Journal of Quaternary...
Aperte le iscrizioni alla 12a edizione del...
Corsa del Mito, primo carabiniere al traguardo...
Ettore Bassi, nei panni di Angelo Vassallo,...
Camerota e la Giornata dell'Amor Patrio (FOTO)
''La Bellezza salvera' il mondo'': il Santuario...
Cilento, altra bandiera blu conquistata
La Principessa Primula sbarca al Comicon 2018
Pyros 227: allarme incendi, la storia di Angelo...
Festa della Madonna di Pietrasanta 2018, il...
Scario, nuove limitazioni e divieti nel centro...
CorriVillammare 2018 il 9 giugno. Ecco il...
A luglio Lo Stato Sociale a Scario per...
Nel Cilento una nuova Base Nautica, inaugurata...
Bandiera Verde, conferma per Camerota: ''Qui...
Cilento, prende il via domani ''E...Vivi...
I Ditelo Voi e I Sonohra alla Festa di...
Carnevale del Cilento 2018, vince Marina di...
Certosa di Padula, dal 7 aprile al 3 giugno Nova...
Francesco De Gregori, Luca Barbarossa e Luca...
EQUINOZIO D'AUTUNNO XIII edizione: anteprima 22...
Grande Concerto di Francesco De Gregori a Scario...
Foto e Corti dal Cilento, il premio dedicato a...
Echi dal mare: 'Tuttinsieme' indice la terza...
BUONISSIMI 2018, ufficializzate le coordinate...

Omicidio Vassallo, indagini prossime alla chiusura senza un colpevole. Il fratello Dario: Non e' accettabile che lo Stato rinunci



Le indagini sull'omicidio di Angelo Vassallo stanno per concludersi con un nulla di fatto. L’ultima proroga concessa dal gip di Salerno, annunciata con entusiasmo nel giugno scorso dalla presidente della commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, si esaurirà a febbraio senza aver trovato un colpevole. Un dolorosissimo colpo per la famiglia, gli amici e per tutto il Cilento. Una dura sconfitta per lo Stato.

Oggi il fratello del Sindaco Pescatore, Dario, Presidente della Fondazione Angelo Vassallo, ha divulgato il testo di una lettera indirizzata al Presidente Mattarella e pubblicata sul Fatto Quotidiano.

"Sono costretto a scriverLe, - spiega Vassallo - in quanto abbiamo appreso da fonti giornalistiche che la Procura di Salerno si appresta a chiudere le indagini sull'omicidio del Sindaco di Pollica. Riteniamo che questa decisione, se fosse vera, sarebbe inopportuna e ingiusta per un Paese civile. Non è accettabile che lo Stato rinunci a cercare chi ha ucciso lo Stato, ricordando a Lei e a tutti gli italiani che Angelo era nel pieno delle sue funzioni di Sindaco. Spero per la giustizia italiana, che venga solo chiuso questo filone di indagine e riaperto un altro filone al fine di arrivare alla verità"

"Non faccia come il ministro Andrea Orlando - svela il Presidente della Fondazione nella lettera - che il 6 settembre 2017, il giorno dopo la commemorazione di Angelo, avvenuta in tutta Italia, attraverso le pagine di " La Repubblica" mi faceva comunicare dai suoi collaboratori che presto mi avrebbe ricevuto, ma poi, dopo un mese di attesa, ad una mia telefonata fatta al Ministero della Giustizia mi risposero che dovevo fare una richiesta scritta, e una volta fatta la richiesta nessuno si è degnato di rispondermi".

"Sono milioni gli italiani che aspettano una sua risposta, un suo gesto, che non deve essere da me elemosinato, perché la giustizia non deve essere elemosinata. E' ' lo Stato che deve dare risposta a noi, perché siamo noi che abbiamo dato a questo Paese la parte migliore della nostra famiglia. - continua amareggiato Dario Vassallo, che conclude - Noi abbiamo dato Angelo, il nostro sangue per il nostro Paese. Quando viene ucciso un Sindaco viene ucciso lo Stato, e se quest'ultimo rinuncia a cercare i colpevoli, significa che vuole diventare complice di un omicidio. Lei vuole permettere questo?".

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login