Gabetti
Breaking News
Sapri: maggioranza e opposizione unite contro la...
Tutti a Bosco per la Festa della Castagna!
3 milioni di euro al Comune di San Giovanni a...
Roccagloriosa e le sue antiche bellezze presente...
Sul porto di Marina di Camerota nascera' il Museo...
Salerno: domani Consiglio provinciale....
Viabilita', stanziati 553 milioni per 285...
Finanziata opera storica: oltre 1 milione per la...
Sicurezza degli edifici scolastici, fondi dalla...
Premio Nassiriya per la Pace, a ritirare il...
Santa Marina: contributi per la realizzazione di...
La Diocesi di Teggiano Policastro organizza una...
Dal 1 gennaio 2019 chiudera' il punto nascita...
Turismo: appuntamento a Palinuro per la tavola...
Incidente nel golfo di Policastro: marittimo...
L'Europa chiama il Cilento: giovani aspiranti...
Presentato in Provincia di Salerno il progetto...
A Sapri la presentazione del libro 'Miti e...
Camerota, via ai lavori al porto. Scarpitta:...
Torna il Premio Internazionale Nassiriya per la...
Camerota, arriva la fibra ottica ultraveloce....
Cento anni dalla fine della prima guerra...
Il brigantaggio, ''fenomeno da rivalutare''....
Direttamente da Kabul il videomessaggio di auguri...
Michele Strianese nuovo Presidente della...
Pyros 233 in edicola: 40esimo Famiglia...
Piano di Zona S9, nuove opportunita di formazione...
Il Vescovo De Luca conclude la Settimana Mariana,...
Diffamazione: assolto Dario Vassallo
Da Teggiano a Taranto due giovani conquistano la...
Il PNCVDA alla Barcolana di Trieste annuncia la...
Italia nascosta, l'Oasi di Morigerati tra i 65...

La Suprema Corte di Cassazione chiude definitivamente il processo sull'ex itticoltura condannando l'Ente montano al pagamento delle spese processuali



La  Suprema Corte di Cassazione, all'udienza del 19.01.2018, ha  chiuso definitivamente il processo penale avviato a seguito di denuncia formalizzata dalla Comunità Montana Bussento, Lambro e Mingardo nei confronti del Sindaco di Santa Marina Giovanni Fortunato, del fratello Dionigi Fortunato e del già dirigente comunale G.B. Guastalegname, rigettando l'impugnativa proposta avverso la sentenza resa dal GUP  del Tribunale di Lagonegro, dott. Saladino,  che aveva assolto con formula piena gli esponenti comunali poiché l'ordinanza sindacale di chiusura dell'area dell'ex itticoltura sita in Policastro Bussentino era assolutamente legittima.

La Suprema Corte si è definitivamente pronunciata sull'annosa querelle, condannando l’Ente montano al pagamento di tutte le spese processuali.

“Sono pienamente soddisfatto - commenta il Sindaco Fortunato - della definitiva vittoria del Comune contro l'azione legale intrapresa dall’Ente montano, che, ancora una volta, ha dimostrato di spendere male i soldi dei contribuenti fomentando cause infondate e pretestuose. La suprema Corte ha riconosciuto la piena legalità dell'azione del nostro Comune, rigettando ogni motivazione addotta dalla Comunità Montana Bussento, Lambro e Mingardo. Ormai siamo pronti a partire per la riqualificazione dell’area, dove sorgerà il Borgo Marinaro Romano ed avrà inizio il grande progetto di sviluppo di tutta la fascia costiera del Golfo di Policastro. Ringrazio la professionalità e la competenza dell'avv. Cinzia Morello, che ha consentito il raggiungimento di questo risultato. In ogni caso, chiederò personalmente, nelle competenti sedi, che, per la sconfitta dell'ente montano, siano a pagare, non i cittadini, ma i soggetti politici ed i funzionari responsabili ad essa appartenenti".

Comunicato stampa

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login