Gabetti
Breaking News
Emergenza incendi: fiamme lambiscono le...
Tre nuovi sacerdoti per il golfo di Policastro
A San Giovanni a Piro le inaugurazioni di Casa...
Camerota, barcaioli multati per abbandono di...
Preparate le carrette...a Caselle arriva la Crazy...
Camerota, Scarpitta consegna le deleghe: "Un...
San Giovanni a Piro, Conferenza Stampa...
In piazza a ballare il tango, a Morigerati torna...
Furti al mercato di Sapri, colti in flagranza tre...
Scario, il comune aderisce al progetto ASL...
A Scario la quarta Festa del Mare UISP
Le aree marine Infreschi-Masseta e Castellabate...
Premio letterario Roccagloriosa 2017, ecco i...
Task force volontari scende in campo per pulire...
A Salerno la Guardia di Finanza festeggia il...
A Sapri la II^ edizione del corso A.B.A. per...
Un vasto incendio colpisce il Parco Archeologico...
A San Giovanni a Piro un tavolo tecnico sulla...
I Modena City Ramblers alla Festa d'estate di...
Camerota, Scarpitta assegna le cariche: Calicchio...
Giuseppe Tripari conquista la Svizzera: primo...
Corpus Domini 2017, le immagini da San Giovanni a...
Marzia Croccia vince a Maratea la prima edizione...
Rachele Furiati e Domenico Flora trionfano a...
Gemellaggio tra le associazioni MediaPyros e...
Alla citta' di Matera il Premio Ortega 2017,...
Baia Infreschi ripulita da spazzatura e amianto:...
Iniziativa Autolinee Curcio: se doni il sangue...
Guida blu, 5 vele al tratto di mare da Scario a...
Tutto pronto per la prima di La Speranza...
Cambio al vertice della Capitaneria di Porto di...
Sapri: l'Aia attribuisce il Premio Massimo...
Silvia Mezzanotte in agosto a Bosco per la Festa...
Il Parlamento Europeo approva le Etichette...
Piano di zona: l'ora della trasparenza! dopo...
Mario Salvatore Scarpitta nuovo Sindaco di...
Il restauro di Sant'Antonio: le foto prima,...
Pubblicato il calendario eventi estate 2017 a San...
La Podistica San Giovanni a Piro insignita del...
Crisi idrica: chiusi fontanini pubblici e fontane...
Le telecamere del TG Itinerante Rai a Scario,...
Carenza idrica estate 2017, a San Giovanni a Piro...
Importante novita' per chi utilizza farmaci per...
Un nuovo direttore per il Giornale del Cilento
Rilievi Arpac, il mare di Scario passa l'esame a...
Enorme successo di pubblico e partecipanti per la...
Caos a Piazza San Carlo di Torino, tra i feriti...
Coca Cola, allerta per un lotto distribuito tra...
A Nigro, Capo ed alla 3C va la 6^ edizione della...
L'Appuntato Scelto Domenico Baldassarri di Scario...
Il comune assume 4 agenti di polizia
Tutte le foto della #Corsalonga35!
Le immagini della Festa della Madonna di...
Aich, Filomena Palomba e la Camaldolese trionfano...
Gli InFelici si aggiudicano il secondo...
Avviso Consac: grave crisi idrica da scarsita'
Conferenza Stampa su "Ritorno al Cilento,...
San Giovanni a Piro: apposita ordinanza per la...
#equinoziomediterraneo: ricco programma di...
Pubblicato il bando per il terzo Contest...
'A Prescindere...': dal 21 al 23 luglio la 5a...

Nel Cilento il Carnevale piu' pazzo d'Italia: 23-24 aprile a Camerota e Palinuro



No, non è uno scherzo. Nel Cilento il Carnevale «lo festeggiamo così, quando fa caldo, quando è più bello». Lo slogan è più o meno quello delle altre edizioni: «Essere diversi, per noi, significa essere speciali». L’anno scorso, alla terza edizione, il Carnevale del Cilento ha fatto registrare migliaia di presenze, circa sei mila. Quest’anno, edizione numero quattro, si fanno le cose in grande. Il 23 aprile i carri aprono la sfilata a Marina di Camerota intorno alle 14. Più tardi, con l’arrivo delle maschere al porto turistico, ci sarà la presentazione dei temi e di tutti i carri in concorso. Finalissima il giorno successivo, 24 aprile, a Palinuro. La sfilata si ripete sempre intorno alle 14, poi in piazza Virgilio le coreografie e gli spettacoli di tutti i carri in concorso e la premiazione dei vincitori.

In gara, logicamente, Marina di Camerota, con il tema «Mille sfumature di blu marinaro», e Palinuro, con «#SeeEulater». Insieme a loro Licusati, con «Alice in wonderland», e Scario, con «I pirati dei Caraibi». Quattro dunque i paesi che si batteranno per conquistare gli ambiti premi, dalla miglior maschera alla scenografia più bella, passando per la coreografia più suggestiva al primo posto assoluto. A queste quattro splendide realtà del Cilento, si vanno ad aggiungere delle new entry fuori concorso, ma di tutto rispetto. Parliamo infatti dell’associazione culturale «Arte e Mestieri - Diego Gatta» di Sala Consilina con il Corteo Storico della rievocazione «1535 Carlo V ne la terra de la Sala» e con la recita dei mesi dell'anno interpretati da piccoli e adulti. Le sorprese non finiscono qui: il Carnevale del Cilento è gemellato ufficialmente con il Carnevale di Agropoli, uno dei più affascinanti del comprensorio. L'associazione «Il Carro», organizzatrice del Carnevale di Agropoli, parteciperà infatti alla sfilata del 23 aprile a Marina di Camerota come ospiti fuori gara con i carri allegorici «Goldrake» e «Non fossiliziamoci». 

Quindi il Vallo di Diano con Sala Consilina, l’Alto Cilento con Agropoli e, gran colpo per gli organizzatori, ci sarà anche il «Corteo Storico» di Matera, Capitale Europea della Cultura 2019. Non manca nulla se aggiungiamo anche la «Junior Band» con art director Margherita Di Pierro.

Tutti questi ingredienti, «gettati» nel calderone del Carnevale e fatti «bollire» per bene, regaleranno emozioni a non finire alla splendida cornice di pubblico che si riverserà tra Marina di Camerota e Palinuro per il ponte del 25 aprile. Una data scelta con cura dalle associazioni organizzatrici dell’evento: «Eso Es Palinuro» e «Marina 3000». Il Carnevale è stato organizzato con il contributo del Comune di Camerota e del Comune di Centola, con il patrocinio della Pro Loco di Camerota. «Siamo soddisfatti di come stanno andando le cose - dichiara Francesco Cusati, presidente dell’associazione «Marina 3000» - non è facile organizzare un evento così grande in due località differenti, ma è proprio questa la nostra forza. Marina di Camerota e Palinuro possono fare grandi cose insieme» sottolinea Cusati, che poi spiega il perchè dello spostamento del Carnevale: «Fare Carnevale quando non è Carnevale era una scommessa ardua e rischiosa, ma l’abbiamo vinta e non solo a livello organizzativo, ma anche con i numeri. Le presenze della terza edizione sono state straordinarie, cose impensabili. Quest’anno spero che il ponte del 25 aprile ci aiuti ancora di più, vogliamo crescere anno per anno. Il Cilento ha bisogno di eventi così forti».

Comunicato stampa

Altri articoli Eventi

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login