Gabetti

San Giovanni a Piro, la Giunta chiede di istituire un presidio A.R.P.A.C. nel territorio comunale



La Giunta di San Giovanni a Piro, con la deliberazione n° 18 del 22 gennaio scorso, ha ufficialmente chiesto al Parco Nazionale e all’A.R.P.A. Campania di istituire un presidio A.R.P.A.C. nel territorio comunale, finalizzato ad un sistema di monitoraggio, controllo e supporto tecnico-scientifico, più tempestivo, "che possa offrire alla comunità locale certezza sullo stato dell’ambiente e su eventuali fenomeni inquinanti, nonché potenziare e ottimizzare l’attività di contrasto dei reati ambientali, soprattutto nel periodo estivo quando le vie di collegamento risultano particolarmente congestionate".

Tra le motivazione della richiesta, la presenza, nel comune di San Giovanni a Piro e nel territorio del Parco, di aspetti di elevata valenza ambientale e di indiscutibile attrattiva per i flussi turistici, con conseguenti pressioni di origine antropica e i relativi, potenziali, impatti negativi sull’ambiente, soprattutto nel periodo estivo e nelle zone costiere. A favore dell'istanza, la posizione territorialmente baricentrica rispetto ai Comuni sia del Vallo di Diano che del Cilento, nonché di accesso orientale all'Area Marina Protetta “Costa degli Infreschi e della Masseta”.

"Perseguire una gestione sostenibile, nonché finalità volte alla tutela ambientale e alla valorizzazione delle caratteristiche di naturalità e di integrità del proprio territorio è un obiettivo primario di questo Municipio - spiega il documento -, oltre a rientrare tra le finalità precipue e i compiti istituzionali del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Nell’ottica di una sempre maggiore salvaguardia della qualità ambientale delle aree interne, costiere e marine, appare manifesta l’esigenza di avere un controllo più diretto e immediato mediante una presenza concreta, si direbbe fisica, delle istituzioni deputate a tale controllo".

Per l’attuazione della proposta, l’Amministrazione si è dimostrata disponibile a fornire, in comodato d’uso gratuito, locali di proprietà idonei e funzionali presso la propria struttura portuale con la disponibilità di attracco per una unità di campionamento della flotta A.R.P.A.C..

 Allegato 1

Altri articoli Politica

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login