Gabetti
Breaking News
Giornata degli alberi 2017 a San Giovanni a Piro...
Policastro: un ulivo in memoria di Dorotea e di...
''Malavita e Fiumi d'oro'', incontro con Nicola...
Sapri, l'acqua ritorna potabile
Il comitato territoriale SNOQ di Sapri per la...
Omicidio del Sindaco pescatore: la Fondazione...
In occasione della Giornata contro la violenza...
Camerota, Comune mette a disposizioni terreni...
Cilento di Corsa 2018, ufficializzate le 12 tappe
Inaugurato a Scario il nuovo parco giochi...
Consac sul servizio nel golfo di Policastro:...
La tecnologia digitale in Ortopedia ad Oliveto...
Camerota, il 25 novembre si accendono le...
Da Santa Marina richiesta di chiarimenti a Consac...
Sapri: acqua non potabile, arriva l'ordinanza del...
Camerota, il Sindaco Scarpitta: vi mostriamo come...
San Giovanni a Piro: cittadinanza onoraria al...
Salvo' bambina da annegamento: al dott. Gerardo...
Nuove e straordinarie scoperte archeologiche a...
Presentato il progetto di Palazzo Salerno
Crepa nel Castello di Policastro, ordinanza del...
Blitz antidroga nel basso Cilento
Sancita ufficialmente l'affiliazione tra Sporting...
Per la Giornata dell'Unita' Nazionale inaugurato...
104 anni di Felic(e)ita'!
Il Cineteatro Tempio del Popolo di Policastro e...
Inaugurata la Mostra ''I colori di Ortega tra...
Da San Giovanni a Piro le immagini in occasione...
All'eroe di Sparta, Giuseppe Tripari, dedicata la...
Fede, tradizione e pieta' popolare: Rosalia...
Corsa del Mito, ufficiale: si corre il 12 maggio...
Maria Cetrangolo prima eletta al Congresso...
Rinvenuta lontra morta sulla Cilentana
Cilento Experience: un territorio da vivere. Tra...
La Rai sceglie Maratea per il Capodanno 2018

San Pietro a Corte nei Secoli, la visione multimediale in 3D della storia prorogata fino al 28 febbraio



La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino, diretta da Francesca Casule (nella foto), comunica che la visione multimediale in 3D della storia di SAN PIETRO A CORTE NEI SECOLI è stata prorogata fino al 28 febbraio 2017. L’Ipogeo del complesso monumentale di San Pietro a Corte, nel Centro Storico di Salerno, resterà, quindi, aperto ai visitatori da martedì a domenica, dalle 9.30 fino alle 18.30, con ingresso gratuito. L’iniziativa rientra nel progetto “Salerno in particolare” realizzato dall’Università di Salerno, DATABENC e Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino.

Ipogeo San Pietro a Corte

Effetti luminosi, proiezioni e tecniche di Image Mapping 3D accompagnano i visitatori in una ricostruzione virtuale che illustra la lunghissima vita del monumento. Le installazioni dedicate a San Pietro a Corte sono:

- Una Linea del Tempo, dalla consultazione rapida e intuitiva, finalizzata a fornire una visione della storia del monumento in relazione alle trasformazioni politiche, sociali, culturali di Salerno, offrendo approfondimenti sulle sue fasi di vita o su eventi che lo hanno riguardato.

- Una ricostruzione 3D in realtà virtuale (serious game) Hippocratica Civitas, relativa alla fase romana di San Pietro a Corte. Il gioco consiste in un percorso a prove di tema archeologico, il cui superamento consente di visitare virtualmente i vari ambienti di una ricostruzione simulata del complesso antico.

- Una storia multimediale dal nome San Pietro a Corte nei Secoli, che illustra la lunghissima vita del complesso archeologico attraverso tutte le sue fasi con l’ausilio di una voce narrante, di effetti luminosi e proiezioni e tecniche di Image Mapping 3D.

Palazzo Ruggi

Prorogata fino al 28 febbraio anche la mostra “Salerno in particolare – Immagini del centro storico” (lunedì-venerdì ore 9.30-18.30 ingresso gratuito), l’iniziativa si tiene a Palazzo Ruggi D’Aragona (via Tasso 46, Salerno) sede della Soprintendenza, realizzata dal DiSPaC dell’Università di Salerno nell’ambito delle attività promosse dal distretto DATABENC. Ad accogliere i visitatori, una cartografia tematica georeferenziata interattiva che consente l’individuazione del ricco patrimonio monumentale, classificato per categorie tipologiche (chiese, monasteri, palazzi nobiliari) nonché la lettura di specifiche schede illustrative e la consultazione di immagini fotografiche relative ai diversi beni. La stessa cartografia, riprodotta in dimensioni macro, costituisce lo scenario di supporto al cuore pulsante della Mostra costituito dai cento scatti inediti realizzati dall’occhio attento e sensibile del fotografo Ciro Fundarò, recentemente scomparso, che, con il suo lavoro, ha riportato alla luce la straordinaria bellezza del paesaggio urbano. Oltre ai dettagli visualizzati sulle cartografie, che rappresentano il cardine dell’esposizione, e agli scatti di Fundarò, una sezione della Mostra è stata dedicata, infine, ai lavori di restauro del Duomo diretti e documentati dall’ingegnere salernitano Michele De Angelis negli anni Trenta del secolo scorso.

Comunicato stampa

Altri articoli cultura

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login