Gabetti
Breaking News
Davide Benincasa e Lucia Novara conquistano a...
Nasce il Consorzio ''Cilento - Golfo di...
Social? No grazie, uso facebook! il percorso...
Scosse di bassa magnitudo nel mare di Pisciotta,...
Mariafrancesca Fimiani supera brillantemente la...
250 persone da tutta Italia in vacanza nel golfo...
Presentazione del nuovo portale Scariovacanze.it
Cilento Experience: un territorio da vivere. Tra...
Sempre allegri con la Bandabardo'
Dominga Jorgista Montano apre il concerto della...
Celle di Bulgheria, studenti sicuri con l'aiuto...
La sinfonia di Calcaterra alla Camerota Live 2017...
Sulle note dell'Alfano I Jazz Ensemble, Franco...
Diluvio di applausi per i Latitanti (VIDEO E FOTO)
Borse di studio anno accademico 2017/2018,...
Bandiere Arancioni 2017, a Morigerati l'evento...
Incontro in Provincia con una delegazione...
Terminata l'avventura di ''Terre del Bussento'' a...
La Rai sceglie Maratea per il Capodanno 2018
Sul mare di Scario luccica la poesia di Peppe...
Il Maestro Avitabile in concerto...sotto la...
La taranta conquista Bosco
Conferito il Premio Ortega 2017 al Prof. Claudio...
Sulle note di Equinozio, la tradizione bandistica...
A Torraca le Olimpiadi della solidarieta' del PdZ...
Il Meeting del Mare chiude con Elio e le storie...
1917 - 2017, 100 anni dal restauro della...
Il dott. Minardi Segretario Generale
Le Voci di Napoli nell'incantevole Tragara (video...
Giovanni Maccelli con il corto Juan y la nube...
Pyros 219: finalmente Tornito...e tanto altro!
Scario sul mensile ''Pescare Mare'', la storica...
L'ex Ministro Pecoraro Scanio nell'AMP Infreschi...
Mediterraneo da remare con Dario Tamburrano, in...
Il dott. Nicola Cobucci presenta ''Jose Ortega''...
Approvato il calendario scolastico 2017/2018, si...
IV edizione per ''Storie...in piazza''. Questa...
Il SUAP Cilento offre piena disponibilita' agli...

Il dott. Nicola Cobucci presenta ''Jose Ortega'' (FOTO)



Il 24 agosto ha avuto luogo un evento molto particolare per il paese di Bosco: un prepotente ritorno della storia del centro abitato e del Cilento tutto, grazie alla presentazione del libro del dott. Nicola Cobucci sull’importante artista Josè Ortega.

José García Ortega (Arroba de los Montes, 1921 – Parigi, 24 dicembre 1990) è stato un pittore e scultore spagnolo. Fu rappresentante del realismo sociale della Guerra civile spagnola e uno dei membri del gruppo "Estampa popular", di cui fu anche fondatore. A tredici anni si trasferì a Madrid dove iniziò a realizzare i suoi primi dipinti e prese parte ai circoli antifranchisti, legando così le sue esperienze successive e la sua opera al forte impegno politico e civile. A 26 anni fu condannato per reati di opinione, e dopo il carcere nel 1952 uscì il suo primo ciclo di xilografie. Nei primi anni sessanta iniziò il suo lungo esilio, che nel 1973 lo portò a Matera, e nel 1980 a Bosco, di cui è stato una figura fondamentale.

L’evento, coordinato dal giornalista Pino Blasi ha visto, dopo i saluti del sindaco Ferdinando Palazzo, che si è detto orgoglioso dell’iniziativa, l’intervento dell’avvocato Franco Maldonato (curatore della Rassegna "Storie...in Piazza", che ha ospitato l'evento), che leggendo dei passi dal testo come da consuetudine ha presentato sia l’opera che il suo soggetto, mostrando un elemento particolare che lo caratterizzava, ovvero il forte contatto con le cose, la natura e in particolar modo il monte Bulgheria, evidenziando la sua concezione della vita strettamente legata all’arte, vista non come una forma di intrattenimento, ma come una missione morale e civica.

La parola è poi passata alla nuova direttrice del Museo Ortega, Anna Maria Vitale, che ha presentato l’esposizione permanente e successivamente messo in evidenza le caratteristiche del libro, definito introspettivo e ben documentato, grazie ad esclusive foto, ricordi, passi di giornale e simili, che rendono il testo un documento unico, che così sopperisce ad un grave vuoto informativo sull’artista spagnolo.

Si giunge all’intervento del padre dell'opera, molto appassionato e coinvolto emotivamente, essendo stato uno dei più grandi amici dell’artista mentre risiedeva a Bosco, e di cui mantiene sempre vivo il ricordo. Il dott. Cobucci riporta un’immagine dell’artista molto ricca e sfaccettata, descrivendo il suo carattere, il suo amore per la gente umile e sofferente, a cui si sentiva sempre vicino. Un excursus a tutto tondo, dall’odio verso il potere ai materiali poveri che Ortega utilizzava per trasmettere i suoi messaggi, per mostrare la bellezza attraverso la povertà. Ogni parola pronunciata dall’autore e amico trasuda un profondo affetto, costantemente percepibile, trasmettendo così tutta la passione per un personaggio artistico di grandissimo valore, che con quest’opera viene degnamente riportato tra noi.

Giuseppe Grieco

IMG_3147IMG_3149IMG_3152IMG_3154IMG_3155IMG_3156IMG_3157IMG_3160IMG_3163IMG_3167IMG_3174IMG_3182IMG_3183

Altri articoli cultura

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login