Gabetti
Breaking News
Antonio Angri e Claudio Selicato conquistano il...
Maratea conferma le 5 vele. Il Sindaco Cipolla:...
Camerota conquista le 5 Vele, Scarpitta:...
Il mare piu' bello 2018, 5 vele a Cilento Antico...
Cultura e arte al Castello di Torraca
Mozzasnella, dal Cilento arriva sul mercato la...
Studentessa di San Giovanni a Piro conquista il...
La Protezione Civile di Torre Orsaia inaugura la...
Ventuno anni fa moriva Silvia Ruotolo, vittima...
Caos Stir: Santa Marina diffida Eco Ambiente. A...
San Giovanni a Piro si tinge di viola grazie...
Pyros 228: Corsalonga 36, confermata autenticita'...
Turismo: nuovo sistema parcheggi nel Comune di...
Tanto spettacolo al Dual Match di pugilato ad...
Camerota, i Saraceni assaltano il paese: grande...
Nigro, pokerissimo a Villammare. Trionfano anche...
Festa del Mare Uisp 2018: Scario sul Tg3 Rai...
Presentato il piano di lavoro per il rilancio di...
Caos Stir di Battipaglia, l'appello del Sindaco...
Istituzione di un Commissariato di Polizia nel...
Lucia Forabosco presenta: l'Anello di Santa Rita,...
Lotta alla ludopatia: la proposta del Psi di...
Capitan Ventosa a San Giovanni a Piro! il video...
Il pesce pettine: in attesa dell'arrivo nelle...
San Mauro La Bruca ha due nuovi cittadini...
Le Eco-aule arrivano in Campania
Il Ministero ricostituisce la Commissione di...
San Severino di Centola, inaugurato un Centro...
Il centro storico di Marina di Camerota teatro...
L'avv. Franco Maldonato rassegna le dimissioni da...
Il Vescovo De Luca indice la Visita Pastorale...
L'amore tra il nocchiero Palinuro e la ninfa...
Corpus Domini 2018, le foto da San Giovanni a Piro
Maria Marotta designata per la Finale Scudetto di...
Eventi estate 2018 a Camerota: cultura,...
Camerota, ritorna il Trenodamare: nel 2017...
Gestione del problema Cinghiali: operativi 230...
San Mauro Cilento: arrestati funzionari pubblici...
Pietrasanta 2018, la festa raccontata attraverso...
Cambio nel programma di Equinozio d'Autunno: Nina...
Alla campionessa del mondo Lubrano ed a Pugliese...
Tutte le foto della #36Corsalonga
Partita la macchina organizzatrice della seconda...
Emozionante primo posto a Reggio Emilia per...
Aperte le iscrizioni alla 12a edizione del...
Scario, nuove limitazioni e divieti nel centro...
A luglio Lo Stato Sociale a Scario per...
Francesco De Gregori, Luca Barbarossa e Luca...
EQUINOZIO D'AUTUNNO XIII edizione: anteprima 22...
Grande Concerto di Francesco De Gregori a Scario...
BUONISSIMI 2018, ufficializzate le coordinate...

Il dott. Nicola Cobucci presenta ''Jose Ortega'' (FOTO)



Il 24 agosto ha avuto luogo un evento molto particolare per il paese di Bosco: un prepotente ritorno della storia del centro abitato e del Cilento tutto, grazie alla presentazione del libro del dott. Nicola Cobucci sull’importante artista Josè Ortega.

José García Ortega (Arroba de los Montes, 1921 – Parigi, 24 dicembre 1990) è stato un pittore e scultore spagnolo. Fu rappresentante del realismo sociale della Guerra civile spagnola e uno dei membri del gruppo "Estampa popular", di cui fu anche fondatore. A tredici anni si trasferì a Madrid dove iniziò a realizzare i suoi primi dipinti e prese parte ai circoli antifranchisti, legando così le sue esperienze successive e la sua opera al forte impegno politico e civile. A 26 anni fu condannato per reati di opinione, e dopo il carcere nel 1952 uscì il suo primo ciclo di xilografie. Nei primi anni sessanta iniziò il suo lungo esilio, che nel 1973 lo portò a Matera, e nel 1980 a Bosco, di cui è stato una figura fondamentale.

L’evento, coordinato dal giornalista Pino Blasi ha visto, dopo i saluti del sindaco Ferdinando Palazzo, che si è detto orgoglioso dell’iniziativa, l’intervento dell’avvocato Franco Maldonato (curatore della Rassegna "Storie...in Piazza", che ha ospitato l'evento), che leggendo dei passi dal testo come da consuetudine ha presentato sia l’opera che il suo soggetto, mostrando un elemento particolare che lo caratterizzava, ovvero il forte contatto con le cose, la natura e in particolar modo il monte Bulgheria, evidenziando la sua concezione della vita strettamente legata all’arte, vista non come una forma di intrattenimento, ma come una missione morale e civica.

La parola è poi passata alla nuova direttrice del Museo Ortega, Anna Maria Vitale, che ha presentato l’esposizione permanente e successivamente messo in evidenza le caratteristiche del libro, definito introspettivo e ben documentato, grazie ad esclusive foto, ricordi, passi di giornale e simili, che rendono il testo un documento unico, che così sopperisce ad un grave vuoto informativo sull’artista spagnolo.

Si giunge all’intervento del padre dell'opera, molto appassionato e coinvolto emotivamente, essendo stato uno dei più grandi amici dell’artista mentre risiedeva a Bosco, e di cui mantiene sempre vivo il ricordo. Il dott. Cobucci riporta un’immagine dell’artista molto ricca e sfaccettata, descrivendo il suo carattere, il suo amore per la gente umile e sofferente, a cui si sentiva sempre vicino. Un excursus a tutto tondo, dall’odio verso il potere ai materiali poveri che Ortega utilizzava per trasmettere i suoi messaggi, per mostrare la bellezza attraverso la povertà. Ogni parola pronunciata dall’autore e amico trasuda un profondo affetto, costantemente percepibile, trasmettendo così tutta la passione per un personaggio artistico di grandissimo valore, che con quest’opera viene degnamente riportato tra noi.

Giuseppe Grieco

IMG_3147IMG_3149IMG_3152IMG_3154IMG_3155IMG_3156IMG_3157IMG_3160IMG_3163IMG_3167IMG_3174IMG_3182IMG_3183

Altri articoli cultura

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login