Gabetti
Breaking News
Giornata degli alberi 2017 a San Giovanni a Piro...
Policastro: un ulivo in memoria di Dorotea e di...
''Malavita e Fiumi d'oro'', incontro con Nicola...
Sapri, l'acqua ritorna potabile
Il comitato territoriale SNOQ di Sapri per la...
Omicidio del Sindaco pescatore: la Fondazione...
In occasione della Giornata contro la violenza...
Cilento, tutto pronto per Adotta un ulivo
Camerota, Comune mette a disposizioni terreni...
Cilento di Corsa 2018, ufficializzate le 12 tappe
Inaugurato a Scario il nuovo parco giochi...
Consac sul servizio nel golfo di Policastro:...
La tecnologia digitale in Ortopedia ad Oliveto...
Camerota, il 25 novembre si accendono le...
Da Santa Marina richiesta di chiarimenti a Consac...
Sapri: acqua non potabile, arriva l'ordinanza del...
Camerota, il Sindaco Scarpitta: vi mostriamo come...
San Giovanni a Piro: cittadinanza onoraria al...
Salvo' bambina da annegamento: al dott. Gerardo...
Nuove e straordinarie scoperte archeologiche a...
Presentato il progetto di Palazzo Salerno
Crepa nel Castello di Policastro, ordinanza del...
Blitz antidroga nel basso Cilento
Sancita ufficialmente l'affiliazione tra Sporting...
Per la Giornata dell'Unita' Nazionale inaugurato...
104 anni di Felic(e)ita'!
Il Cineteatro Tempio del Popolo di Policastro e...
Inaugurata la Mostra ''I colori di Ortega tra...
Da San Giovanni a Piro le immagini in occasione...
All'eroe di Sparta, Giuseppe Tripari, dedicata la...
Fede, tradizione e pieta' popolare: Rosalia...
Corsa del Mito, ufficiale: si corre il 12 maggio...
Maria Cetrangolo prima eletta al Congresso...
Il terzino del Toro Cristian Molinaro partecipa...
Bellissima giornata di sport a Scario, Alessandra...
Rinvenuta lontra morta sulla Cilentana
Cilento Experience: un territorio da vivere. Tra...
La Rai sceglie Maratea per il Capodanno 2018

Il dott. Nicola Cobucci presenta ''Jose Ortega'' (FOTO)



Il 24 agosto ha avuto luogo un evento molto particolare per il paese di Bosco: un prepotente ritorno della storia del centro abitato e del Cilento tutto, grazie alla presentazione del libro del dott. Nicola Cobucci sull’importante artista Josè Ortega.

José García Ortega (Arroba de los Montes, 1921 – Parigi, 24 dicembre 1990) è stato un pittore e scultore spagnolo. Fu rappresentante del realismo sociale della Guerra civile spagnola e uno dei membri del gruppo "Estampa popular", di cui fu anche fondatore. A tredici anni si trasferì a Madrid dove iniziò a realizzare i suoi primi dipinti e prese parte ai circoli antifranchisti, legando così le sue esperienze successive e la sua opera al forte impegno politico e civile. A 26 anni fu condannato per reati di opinione, e dopo il carcere nel 1952 uscì il suo primo ciclo di xilografie. Nei primi anni sessanta iniziò il suo lungo esilio, che nel 1973 lo portò a Matera, e nel 1980 a Bosco, di cui è stato una figura fondamentale.

L’evento, coordinato dal giornalista Pino Blasi ha visto, dopo i saluti del sindaco Ferdinando Palazzo, che si è detto orgoglioso dell’iniziativa, l’intervento dell’avvocato Franco Maldonato (curatore della Rassegna "Storie...in Piazza", che ha ospitato l'evento), che leggendo dei passi dal testo come da consuetudine ha presentato sia l’opera che il suo soggetto, mostrando un elemento particolare che lo caratterizzava, ovvero il forte contatto con le cose, la natura e in particolar modo il monte Bulgheria, evidenziando la sua concezione della vita strettamente legata all’arte, vista non come una forma di intrattenimento, ma come una missione morale e civica.

La parola è poi passata alla nuova direttrice del Museo Ortega, Anna Maria Vitale, che ha presentato l’esposizione permanente e successivamente messo in evidenza le caratteristiche del libro, definito introspettivo e ben documentato, grazie ad esclusive foto, ricordi, passi di giornale e simili, che rendono il testo un documento unico, che così sopperisce ad un grave vuoto informativo sull’artista spagnolo.

Si giunge all’intervento del padre dell'opera, molto appassionato e coinvolto emotivamente, essendo stato uno dei più grandi amici dell’artista mentre risiedeva a Bosco, e di cui mantiene sempre vivo il ricordo. Il dott. Cobucci riporta un’immagine dell’artista molto ricca e sfaccettata, descrivendo il suo carattere, il suo amore per la gente umile e sofferente, a cui si sentiva sempre vicino. Un excursus a tutto tondo, dall’odio verso il potere ai materiali poveri che Ortega utilizzava per trasmettere i suoi messaggi, per mostrare la bellezza attraverso la povertà. Ogni parola pronunciata dall’autore e amico trasuda un profondo affetto, costantemente percepibile, trasmettendo così tutta la passione per un personaggio artistico di grandissimo valore, che con quest’opera viene degnamente riportato tra noi.

Giuseppe Grieco

IMG_3147IMG_3149IMG_3152IMG_3154IMG_3155IMG_3156IMG_3157IMG_3160IMG_3163IMG_3167IMG_3174IMG_3182IMG_3183

Altri articoli cultura

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login