Gabetti
Breaking News
Antonio Angri e Claudio Selicato conquistano il...
Maratea conferma le 5 vele. Il Sindaco Cipolla:...
Camerota conquista le 5 Vele, Scarpitta:...
Il mare piu' bello 2018, 5 vele a Cilento Antico...
Cultura e arte al Castello di Torraca
Mozzasnella, dal Cilento arriva sul mercato la...
Studentessa di San Giovanni a Piro conquista il...
La Protezione Civile di Torre Orsaia inaugura la...
Ventuno anni fa moriva Silvia Ruotolo, vittima...
Caos Stir: Santa Marina diffida Eco Ambiente. A...
San Giovanni a Piro si tinge di viola grazie...
Pyros 228: Corsalonga 36, confermata autenticita'...
Turismo: nuovo sistema parcheggi nel Comune di...
Tanto spettacolo al Dual Match di pugilato ad...
Camerota, i Saraceni assaltano il paese: grande...
Nigro, pokerissimo a Villammare. Trionfano anche...
Festa del Mare Uisp 2018: Scario sul Tg3 Rai...
Presentato il piano di lavoro per il rilancio di...
Caos Stir di Battipaglia, l'appello del Sindaco...
Istituzione di un Commissariato di Polizia nel...
Lucia Forabosco presenta: l'Anello di Santa Rita,...
Lotta alla ludopatia: la proposta del Psi di...
Capitan Ventosa a San Giovanni a Piro! il video...
Il pesce pettine: in attesa dell'arrivo nelle...
San Mauro La Bruca ha due nuovi cittadini...
Le Eco-aule arrivano in Campania
Il Ministero ricostituisce la Commissione di...
San Severino di Centola, inaugurato un Centro...
Il centro storico di Marina di Camerota teatro...
L'avv. Franco Maldonato rassegna le dimissioni da...
Il Vescovo De Luca indice la Visita Pastorale...
L'amore tra il nocchiero Palinuro e la ninfa...
Corpus Domini 2018, le foto da San Giovanni a Piro
Maria Marotta designata per la Finale Scudetto di...
Eventi estate 2018 a Camerota: cultura,...
Camerota, ritorna il Trenodamare: nel 2017...
Gestione del problema Cinghiali: operativi 230...
San Mauro Cilento: arrestati funzionari pubblici...
Pietrasanta 2018, la festa raccontata attraverso...
Cambio nel programma di Equinozio d'Autunno: Nina...
Alla campionessa del mondo Lubrano ed a Pugliese...
Tutte le foto della #36Corsalonga
Partita la macchina organizzatrice della seconda...
Emozionante primo posto a Reggio Emilia per...
Aperte le iscrizioni alla 12a edizione del...
Scario, nuove limitazioni e divieti nel centro...
A luglio Lo Stato Sociale a Scario per...
Francesco De Gregori, Luca Barbarossa e Luca...
EQUINOZIO D'AUTUNNO XIII edizione: anteprima 22...
Grande Concerto di Francesco De Gregori a Scario...
BUONISSIMI 2018, ufficializzate le coordinate...

Camerota, i Saraceni assaltano il paese: grande successo per la rievocazione storica



Sono da poco passate le 22.00. E’ un venerdì sera di inizio giugno. Un veliero solca i mari di Marina di Camerota. E’ a pochi metri dalla costa. A bordo decine di Saraceni armati. Non siamo alla fine del 1500. E’ solo frutto di un’intuizione dell’Assessore alla Cultura di Camerota, Teresa Esposito, che nel calendario di eventi ‘La Cultura viene dal mare’, ha avuto la brillante idea di inserire ‘L’Assalto alle Torri’, un rievocazione storica con costumi d’epoca che ripercorre fatti realmente accaduti avvenuti a Camerota alla fine del 1500. Con la regia dell’esperto Catello Balestrieri e la partecipazione delle associazioni del territorio, i Saraceni sbarcano sul porto di Marina. Ad attenderli una folla trepidante e inattesa di turisti.

I Saraceni accendono le fiaccole. Percorrono guardinghi i vicoletti del centro storico. Intanto in piazza il popolo svolge le proprie attività quotidiane. C’è chi cuce le reti, chi vende la frutta, chi lavora la terracotta. Poi c’è il notaio, che s’accorge dell’arrivo degli spietati turchi e grida al popolo di fuggire. Troppo tardi, l’esercito è pronto a conquistare e a mettere sottosopra tutto ciò che si presenta dinanzi al loro cammino. Incendiano, devastano, saccheggiano, rubano e uccidono. Muoiono diverse persone. Altre riescono a fuggire.

Felice Alato, il torriere di turno che si era addormentato, all’improvviso si sveglia. Dalla Torre dello Zancale vede il paese distrutto. Corre verso il centro di Marina di Camerota. Vede la sua amata rapita dai Saraceni. La stanno portando via. Urla, si dispera. Invano cerca di riabbracciarla. Il popolo e i soccorsi giunti in ritardo, riconoscono Felice. Lo bloccano, lo colpiscono con calci e pugni. Poi decidono di impiccarlo in pubblica piazza. Per tre giorni e per tre notti lasciano il suo corpo penzolare come monito per la popolazione.

Il racconto finisce qui, tra gli applausi dei turisti e la soddisfazione degli organizzatori. Un evento sicuramente da ripetere, come chiesto espressamente anche dalle persone che hanno assistito a questa prima edizione. 

COMUNICATO STAMPA

Foto Luigi Martino

DSC_6256DSC_6307DSC_6338DSC_6364DSC_6392DSC_6442DSC_6446DSC_6460DSC_6499

Altre foto al link

Altri articoli cultura

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login