Gabetti

Il Museo Diocesano di Policastro Bussentino apre le porte ai turisti per l'estate 2018



Riapre i battenti per la stagione estiva, il Museo Diocesano di Policastro Bussentino, dal primo giugno e fino alla fine di settembre, offrendo ai visitatori la possibilità di ammirare le bellezze storico-artistiche dell’antica diocesi bussentina. Grazie alla fattiva collaborazione della Diocesi di Teggiano-Policastro, nella figura del vescovo, monsignor Antonio De Luca e con l’impegno della Cooperativa Paràdhosis di Teggiano, il Museo Diocesano rimarrà aperto tutti i giorni dalle ore 18 alle ore 21, per permettere l’ingresso sia ai visitatori del posto, che ai tanti turisti che affollano la stagione estiva del Golfo di Policastro.

Inaugurata agli inizi dello scorso mese di marzo, la raccolta museale, che si aggiunge a quelle di Teggiano (sede storica e Lapidario Dianense), narra la storia dell’antica Diocesi di Policastro Bussentino, attraverso numerose opere d’arte che spaziano in un arco temporale di ben diciannove secoli, partendo dall’età romana. Pezzo forte del museo è il ciborio quattrocentesco in marmo di Carrara, commissionato dal vescovo Carlo Fellapane, ma di sicuro effetto sono anche il crocifisso eburneo seicentesco e quello argenteo del 1532. Nelle sale museali sono raccolte iscrizioni e sculture in pietra, legno e cartapesta, dipinti su tela e tavola e componenti d’altaristica in argento sbalzato e cesellato. Nelle teche sono esposti anche preziosi paramenti liturgici appartenuti al vescovo Nicola Maria Laudisio, nonché i pastorali in argento di questo presule e di monsignor Federico Pezzullo, ultima guida spirituale della diocesi di Policastro.

La visita al museo, offrirà anche la possibilità di poter implementare il percorso storico-artistico, con la riscoperta della chiesa concattedrale di Santa Maria Assunta e del centro storico policastrense. 

A cura di Massimo La Corte, responsabile dell'Ufficio diocesano per le Comunicazioni sociali

Altri articoli cultura

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login