Zazza

Mareggiata sradica 60 metri di un muro di contenimento sul porto di Scario. Il Comune chiede lo stato di calamita' naturale



Nella notte tra il 12 e il 13 novembre una forte mareggiata ha sradicato 62 metri di un muro di contenimento del molo di sopraflutto del porto di Scario. Le foto che abbiamo pubblicato sui social questa mattina hanno fatto il giro della rete, diventando subito virali.

Sul posto sono giunti immediatamente i volontari della Protezione Civile Gruppo Lucano di San Giovanni a Piro, guidati dal Presidente Vito Bruno, gli uomini della Capitaneria di Porto di Palinuro, che hanno chiuso la banchina, e il personale del Comune.

Oltre al muro di contenimento la mareggiata ha causato l’inclinazione della parte terminale del molo di sopraflutto, la demolizione del cordolo in pietra, per circa 20 metri, e diverse lesioni alla pavimentazione. Danni anche all’impianto elettrico ed idrico che alimenta le colonnine dei servizi.

In seguito a questo il Comune ha chiesto l’attivazione "degli interventi necessari alla rimozione delle situazioni di danno" e il riconoscimento dello stato di calamità naturale “vista la necessità di supportare e sostenere, con ogni strumento di legge, l’economia turistica, per la quale risulta trainante l’attività del porto turistico, gravemente colpito dall’evento meteorologico”.

Altri articoli Cronaca

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login