round image on layout top



Riaperta a Scario la spiaggia della Resima e siglato il Protocollo d'Intesa per la salvaguardia e la sicurezza dell'AMP

Articolo del 26/06/2020  0 commenti divider image
Riaperta a Scario la spiaggia della Resima e siglato il Protocollo d'Intesa per la salvaguardia e la sicurezza dell'AMP

È stata inaugurata oggi, 26 giugno, la riapertura della spiaggia della Resima sita nella meravigliosa Costa della Masseta, a Scario nel Comune di San Giovanni a Piro. L’ordinanza sindacale numero 22 del 2011 ne aveva ordinato la chiusura, causa caduta massi. Successivamente, dopo circa cinque anni, l’Amministrazione odierna iniziò a vagliare la situazione della spiaggia tramite una relazione geologica che portò alla revoca di tale ordinanza con infine il conferimento della concessione demaniale nel 2019. Questa mattina, sotto il sole cocente di mezzogiorno, il Sindaco del comune di San Giovanni a Piro, Ferdinando Palazzo, ha reciso la coccarda tricolore dando vita alla riapertura di una delle spiagge più belle della costa della Masseta.

L’inaugurazione della spiaggia ha portato anche alla sottoscrizione del Protocollo d’intesa per la salvaguardia e la sicurezza dell’Area Marina Protetta con la previsione di utilizzo di nuove tecnologie per fronteggiare l’emergenza Covid. Previste, ad esempio, tecniche di monitoraggio come lo sviluppo di un’app che dovranno scaricare sia i turisti che i residenti in modo da riuscire a quantificare la presenza sulle spiagge della Masseta, soprattutto in merito al numero di imbarchi verso le varie destinazioni balneari. Sarà inoltre affissa un’apposita cartellonistica destinata ai cittadini con tutte le misure di prevenzione destinate al rispetto delle normative e saranno intensificati i controlli sulle spiagge del litorale di Scario grazie alla collaborazione della Capitaneria di Porto, con un addetto che si occuperà del presidio dal Faro fino alla Baia di Garagliano. Ci saranno infine un bagnino addetto alla sorveglianza della Resima e una squadra di “magliette rosse” coordinate dalla Protezione civile che si occuperà di controllare la presenza e il flusso su tutta la costa, fino al confine con Camerota. È un’organizzazione resa attuabile grazie ai fondi erogati dal Ministero dell’Interno e dal Parco nazionale del Cilento e del Vallo di Diano. Presente infatti il Presidente Tommaso Pellegrino che ha sostenuto la causa sin dall’inizio ed espresso tutta la sua soddisfazione per un tale risultato. Il contributo del Piano di zona ha permesso inoltre di installare alcuni punti di accesso alle spiagge per i disabili. Ha partecipato a tale protocollo anche l’associazione Legambiente con la presenza della presidentessa Maria Teresa Imparato la quale ha sottolineato l’importanza della messa in sicurezza di queste zone e la gestione dell’emergenza sanitaria connessa al turismo. “Riaprire è stata una sfida ed è stata resa possibile solo grazie alla sinergia di forze dei diversi enti coinvolti”, ha concluso il Sindaco Palazzo.

Federica Costantini

Pyrosfamiglia

Da Instagram...

<

Commenti 0

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login


bottom round image