Zazza

Pyros celebra il Sommo Poeta attraverso la voce di Alessandro Sorrentino



Celebriamo anche noi il Dantedì nell'anno del settimo centenario della morte del sommo poeta Dante Alighieri attraverso la voce unica di Alessandro Sorrentino, di adozione milanese ma da sempre legato alle sue origini cilentane e in particolare al suo paese San Giovanni a Piro.

È in questo contesto paesistico e naturale che da ragazzo Alessandro impara il suono della luce, comprende cioè qual è il sentiero che l’anima deve percorrere per realizzarsi: dare voce alla bellezza, alla poesia nell’intero Universo, servire le Vite. Vive, lavora, canta, recita, dà voce alla vita, lungo le vie del mondo; ricerca nel presente la luce della coscienza.

Da fine dicitore dantesco, premiato dal Centro Relazioni Culturali di Ravenna con il Lauro Dantesco nel 2003, ci regala attraverso la sua profonda interpretazione il Canto XXXIII del Paradiso ed in particolare la bellissima preghiera di San Bernardo alla Vergine.

 

Altri articoli cultura

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login