Gabetti

Classifica della qualita' delle acque per il 2017: eccellente il mare della Masseta. Bocciato il tratto Radice del molo di sottoflutto Torre Oliva



Puntualmente, all'inizio di gennaio, l'Arpac (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania) pubblica la classifica della qualità delle acque di balneazione per il nuovo anno.

Per il 2017 i dati, rivelati sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania n°91 del 30 dicembre 2016 (Delibera della Giunta Regionale n° 769 del 28/12/2016), attestano l'eccellenza del mare cilentano.

Per il Comune di San Giovanni a Piro, confermata l'eccellenza (che è il valore massimo della classificazione) per le acque della Masseta: "dei Gabbiani", dal Vallone del Marcellino alla Grotta dell'Inferno; "Costa della Masseta", da Grotta dell'Inferno a Grotta Grande; "Punta Spinosa", da Grotta Grande a Punta Garagliano; "Faro", da Punta Garagliano alla Radice del molo di sovraflutto.

Bocciate invece le acque del tratto denominato "Scario", dalla Radice del molo di sottoflutto alla Torre dell'Oliva, che passano in due anni da "eccellenti" (2015) a "buone" (2016) e, infine, "scarse" (2017). Le acque di qualità “scarsa” sono temporaneamente vietate alla balneazione. Nella Delibera è specificato che toccherà ora al comune (che dovrà adottare "adeguate misure per impedire, ridurre o eliminare le cause di inquinamento") l'individuazione delle cause del mancato raggiungimento dello status qualitativo “sufficiente”.

Altri articoli Attualita'

0 Commenti

   Per scrivere e visualizzare i commenti occorre la registrazione ! Registrati
Se sei già registrato effettua il login